Urania Collezione 217: Walter Jon Williams, “Metropolitan”

gennaio 27th, 2021

Tags: , , , ,

Walter Jon Williams, "Metropolitan", Urania Collezione 217, febbraio 2021

Walter Jon Williams, “Metropolitan”, Urania Collezione 217, febbraio 2021

Walter Jon Williams, “Metropolitan”, Urania Collezione 217, febbraio 2021

 

Un’unica, sconfinata città.

Il mondo di Aiah, giovane impiegata governativa della razza reietta dei Barkazil, è completamente urbanizzato, suddiviso in quartieri chiamati metropolises, vasti come nazioni.

L’intero pianeta è chiuso all’interno di una potente barriera, lo Scudo, che incenerisce chiunque provi a elevarsi troppo dal livello del suolo, ed è governato dalla tirannica Autorità, che detiene il controllo assoluto del plasma, la più potente fonte di energia, sostentamento dell’intera civiltà.

La vita di Aiah, prigioniera di un lavoro senza sbocchi, prende una svolta imprevista quando la ragazza localizza una fonte segreta di plasma. Scopre così che il plasma è molto di più di una fonte di energia, e che può donare agli esseri umani poteri oltre ogni immaginazione, alla stregua della magia.

Insieme a Constantine, un misterioso ribelle, Aiah intraprenderà una strada pericolosa, ricca di macchinazioni e intrighi, e capirà che chi detiene il plasma… può cambiare il mondo.

Leggi tutto »

Posted in Ebook, Senza Categoria, Urania Collezione | commenti 1 Comment »

Vincitore assoluto del Premio Urania Short 2020

gennaio 26th, 2021

Tags: , , , , , ,

PREMIO URANIA SHORT 2020

IL VINCITORE ASSOLUTO

 

Dopo avere esaminato le schede voto pervenute in redazione, che davano la possibilità ai lettori di “Urania” di designare il racconto preferito fra i tre finalisti pubblicati nel numero di novembre scorso della collana – in appendice al romanzo “Il pugno dell’uomo” di Davide Del Popolo Riolo – ecco quali sono i risultati dello scrutinio. Fra le tre opere finaliste dell’edizione 2020, che erano le seguenti:

 

IL PATCH
di Luigi Calisi

THE BODY PRINT
di Giada Cecchinelli

UN PATTO EQUO
di Michela Lazzaroni

 

i lettori di “Urania” hanno designato come vincitore assoluto il racconto:

Leggi tutto »

Posted in Fantascienza, Premi e concorsi, Urania Collana | commenti 4 Comments »

Urania 1687: Ken MacLeod, “The Corporation Wars: Dissidenza”

gennaio 26th, 2021

Tags: , , , ,

Ken MacLeod, "The Corporation Wars: Dissidenza", Urania n. 1687, febbraio 2021

Ken MacLeod, “The Corporation Wars: Dissidenza”, Urania n. 1687, febbraio 2021

Ken MacLeod, “The Corporation Wars: Dissidenza”, Urania n. 1687, febbraio 2021

 

Carlos il Terrorista non si aspettava di morire.

D’altronde non se l’aspetta mai nessuno. La sua morte è avvenuta nel bel mezzo di un’efferato scontro tra le forze dell’Accelerazione, la Axle, di cui è un veterano, e quelle della Reazione, ovvero i Rax, i nemici, proprio dopo che Carlos si era rifiutato di abbattere un bersaglio civile.

Il Terrorista si risveglia mille anni dopo su un pianeta alieno, a ventiquattro anni luce di distanza dal Sole, e scopre che la sua mente è stata rianimata… soltanto per essere uccisa di nuovo. Sulla sua testa, gli spiega una donna misteriosa, pende una condanna a morte per crimini di guerra.

Questo, a meno che lui non si dimostri disposto a collaborare…

Carlos dovrà combattere come mercenario contro dei robot senzienti e ribelli, autoproclamati indipendenti dai loro creatori umani, riuniti in potenti DisCorporazioni che, dal loro canto, non hanno alcuna intenzione di liberare le preziose macchine dai loro guinzagli.

Leggi tutto »

Posted in Ebook, Urania Collana | commenti 3 Comments »

“Murderbot – I diari della macchina assassina” di Martha Wells

gennaio 18th, 2021

Oscar Vault logo

Oscar Vault

a cura di Beppe Roncari

“Murderbot – I diari della macchina assassina” di Martha Wells

 

Martha Wells, “Murderbot – I diari della macchina assassina”

Martha Wells, “Murderbot – I diari della macchina assassina”

È una macchina assassina, in parte robot, in parte umana. Senza sesso, senza nome (Murderbot è quello che si è data da sola) e senza libertà. Almeno finché non ha hackerato il suo sistema di controllo, prendendo in mano il proprio destino e decidendo di utilizzare questa sua nuova, appena scoperta libertà… per scaricare e guardare in segreto le sue serie tv preferite!

Mondadori Oscar Fantastica porta in Italia, rilegati in un solo volume, The Murderbot Diaries, i quattro romanzi brevi con cui Martha Wells ha dato vita a una nuova e scanzonata incarnazione di Robocop, l’uomo-macchina, un tema caro alla fantascienza fin dai tempi di Metropolis di Fritz Lang (1927), e con cui ha fatto incetta di premi.

Il primo romanzo, Allarme rosso (All Systems Red), ha vinto il premio Nebula 2017, l’Hugo 2018 e l’American Library Association’s Alex Award. Le altre tre novellas sono arrivate tutte insieme al ballottaggio degli Hugo anche nel 2019, tanto da far decidere all’autrice di accettare la candidatura solo per il secondo episodio della serie, Condizione Artificiale (Artificial Condition), con cui ha vinto. Gli altri due titoli della saga sono Protocollo ribelle (Rogue Protocol) e Strategia d’uscita (Exit Strategy).

L’elemento di novità della serie, come spesso accade, viene dal passato, e consiste nel recupero in chiave moderna di una formula narrativa antichissima: la diaristica. Fiore all’occhiello del romanzo gotico, a cui appartiene il capostipite della fantascienza contemporanea, Frankenstein di Mary Shelley (anch’esso dedicato a un umano “artificiale”), l’uso dei diari permette alla Wells di dare voce all’originalissimo punto di vista di una cyborg.

Come il mostro del dottor Frankenstein, anche Murderbot prova disagio di fronte all’umanità: teme di essere vista dagli altri come un mostro, un’aberrazione, o una spietata assassina senza cuore, e non vuole mostrare il proprio volto. In più le componenti sintetiche, logiche e asettiche, entrano in conflitto con le sue parti organiche, che provano sentimenti e pensano come qualsiasi altro essere umano.

La passione per le serie tv è un tramite attraverso cui Murderbot può osservare l’umanità senza essere vista, immedesimarsi, partecipare in modo vicario, proprio come faceva la crea­tura di Frankenstein quando spiava da una fessura del fienile la vita quotidiana di una famiglia contadina.

Gli umani di Murderbot sono la dottoressa Mensah e il suo gruppo di ricercatori, in missione esplorativa su un pianeta alieno. Pur avendo hackerato il proprio modulo di controllo, Murderbot continua a fingere di essere una semplice SecUnit (Unità di Sicurezza), almeno fino a quando non è costretta a gettare la maschera e a disobbedire agli ordini per salvare i suoi compagni.

D’altronde, la ragione stessa che l’ha portata a liberarsi dagli obblighi della sua programmazione risiede negli accadimenti di una precedente missione, quando l’obbedienza cieca alle direttive l’aveva portata a compiere una strage di umani. Questa oscura vicenda è un mistero che si dipana nel corso dell’intero volume, dato che i dettagli dell’accaduto non sono chiari nemmeno alla protagonista, a causa della prassi della Compagnia di “resettare” la memoria elettronica delle proprie unità. Ma ci sono ricordi e sensazioni impressi per sempre nella sua mente organica, che ha finito per prendere il sopravvento.

Quello di Murderbot è un viaggio nello spazio, certo, una space opera proprio come la soap “Sanctuary Moon” che tanto le piace, ma in realtà e innanzitutto è un viaggio dentro se stessa, alla ricerca della sua vera identità.

I comprimari che incontra sono tutti degli specchi per trovare un modo di definirsi: la dottoressa Mensah, leader di un pianeta dove ai robot è riconosciuta l’identità di persona, sebbene nel resto del cosmo rimangano dei “domestici” per cui deve garantire “il patrono”, un po’ come succedeva per gli schiavi affrancati nell’Ottocento. Ci sono poi gli “umani aumentati”, come Guranthin, che fa interrogare la protagonista su dove si collochi il confine fra esseri biologici e meccanici. Interessante infine, il rapporto di Murderbot con ART (“Astronave Rompiballe di Trasporto”), un’intelligenza artificiale priva di parti organiche ma dotata di coscienza, che prova affetto sincero per gli umani che trasporta, come una mamma chioccia protettiva, che si inquieta guardando serie tv con umani in pericolo.

In definitiva, una lettura obbligata per chi apprezza le storie scanzonate, che tuttavia nascondono temi più profondi e complessi, come nella migliore tradizione della fantascienza. Prendete esempio da Murderbot, non resterete delusi.

Posted in Fantascienza, Oscar Vault | commenti 5 Comments »

Urania gennaio 2021

gennaio 15th, 2021

Tags: , , , ,

Il 2021 parte a razzo con le novità di gennaio.

Serge Brussolo torna su Urania con l’inedito “Anatomik”, un romanzo apocalittico dove milioni di ectoplasmi, risvegliati dagli alieni bombardando i cimiteri con tempeste di fulmini, danno la caccia agli umani; su Urania Collezione torna il celebre juvenile di Robert A. Heinlein “Starman Jones”, la storia di un ragazzo che desidera viaggiare tra le stelle e un giorno parte all’avventura nello Spazio; Urania Jumbo, infine, celebra il ritorno di Dario Tonani con “Naila di Mondo9”, nuovo romanzo della saga in cui il capitano Naila solca i mari di sabbia alle prese con la profezia della Grande Onda.

E voi, su quale shuttle vi imbarcherete?

 

Serge Brussolo, "Anatomik"

Serge Brussolo, “Anatomik”, Urania 1686, gennaio 2021

Robert A. Heinlein, "Starman Jones", Urania Collezione n. 216, gennaio 2021

Robert A. Heinlein, “Starman Jones”, Urania Collezione n. 216, gennaio 2021

Dario Tonani, “Naila di Mondo9”, Urania Jumbo n. 15, gennaio 2021

Dario Tonani, “Naila di Mondo9”, Urania Jumbo n. 15, gennaio 2021

Posted in Ebook, Fantascienza, Urania Collana, Urania Collezione | commenti 5 Comments »

Arriva “The Salvation Sequence” di Peter F. Hamilton

gennaio 11th, 2021

Tags: ,

A conclusione del programma 2021 di Urania Jumbo, siamo lieti di comunicare che Urania Mondadori ha acquisito la trilogia di romanzi della serie “The Salvation Sequence” di Peter F. Hamilton, composta dai seguenti titoli: Salvation (2018), Salvation Lost (2019) e Saints of Salvation (2020).

Il primo romanzo della serie uscirà a novembre 2021 nella collana Urania Jumbo, mentre gli altri due vedranno la luce nel corso del 2022, per concludere la trilogia in tempi che ci auguriamo accettabili per i lettori.

Peter F. Hamilton, Salvation, Urania Jumbo

Peter F. Hamilton, Salvation, Urania Jumbo

Peter F. Hamilton, Salvation Lost, Urania Jumbo

Peter F. Hamilton, Salvation Lost, Urania Jumbo

Peter F. Hamilton, The Saints of Salvation, Urania Jumbo

Peter F. Hamilton, The Saints of Salvation, Urania Jumbo

Posted in Dispacci, Fantascienza, Grandi Saghe, Urania Jumbo | commenti 22 Comments »

Urania Collezione 216: Robert A. Heinlein, “Starman Jones”

dicembre 26th, 2020

Tags: , , ,

Robert A. Heinlein, "Starman Jones", Urania Collezione n. 216, gennaio 2021

Robert A. Heinlein, “Starman Jones”, Urania Collezione n. 216, gennaio 2021

Robert A. Heinlein, “Starman Jones”, Urania Collezione n. 216, gennaio 2021

 

Torna sulle pagine di Urania Collezione Robert A. Heinlein, uno degli autori di fantascienza più amati di tutti i tempi, con il celebre romanzo Starman Jones (1953).

In un mondo in cui tutti i mestieri sono regolati da un rigido sistema di gilde, il sogno del giovane Max Jones di volare tra le stelle sembra destinato a restare tale.

Alla morte del padre, il ragazzo si rassegna a mandare avanti la fattoria di famiglia sull’Altopiano d’Ozark… ma la decisione della matrigna di risposarsi gli fa cambiare idea, facendogli decidere di fuggire di casa.

Grazie alla sua tenacia e alla prodigiosa memoria di cui è dotato, Max memorizza le pagine del manuale per Astrogatori che gli ha lasciato in eredità suo zio e, nonostante i mille ostacoli sul cammino, riesce a imbarcarsi sulla Asgard. Inizia così la più grande avventura della sua vita.

Sulla nave spaziale Max farà la conoscenza di Ellie, una giovane passeggera che ha per animale domestico un aracnide parlante, oltre a una serie di personaggi indimenticabili, insieme a cui viaggerà tra le colonie umane sperdute nel cosmo, fino a raggiungere un remoto e misterioso pianeta abitato da centauri senzienti.

Il sogno di viaggiare nello spazio di Max sembra essersi realizzato… ora il difficile sarà tornare a casa, e farlo tutto d’un pezzo!

Leggi tutto »

Posted in Urania Collezione | commenti 40 Comments »

In ricordo di James Gunn

dicembre 24th, 2020

Tags: ,

James Gunn (1923–2020)

James Gunn (1923–2020)

 

Ci ha lasciati ieri, 23 dicembre 2020, lo scrittore di fantascienza statunitense James Gunn, più volte protagonista sulla nostra collana, come nel recente e quasi profetico Urania 1683 “Oltre l’Ignoto”. Aveva 97 anni.

Il pensiero va ai familiari e agli appassionati, che restano orfani di questo grande autore. Ci consola sapere che ad aprile dell’anno prossimo arriverà finalmente in Italia il secondo volume della trilogia Transcendental, “Transgalactic”.

Posted in Dispacci, Profili | commenti 7 Comments »

Urania 1686: Serge Brussolo “Anatomik”

dicembre 24th, 2020

Tags: , , , , , ,

Serge Brussolo, "Anatomik"

Serge Brussolo, “Anatomik”, Urania 1686, gennaio 2021

Kurt Angström è morto. Ma questo non gli impedisce di essere impiegato come spia dalla temibile ANATOMIK Biotech, un’azienda che, sotto la copertura di fornitrice di protesi bioniche, mira in realtà al controllo globale.

Chuck Ozzborn, un vero duro del Montana, è un reduce della guerra contro il Cartello Globale di Cozatalpa che ha messo in ginocchio l’America, costringendola ad accettare la libera, e anzi obbligatoria, circolazione delle droghe nel territorio degli Stati Uniti e il governo fantoccio “degli eunuchi”.  Veri eunuchi, non è un eufemismo.

Sua figlia Peggy Lee Ozzborn, alias Willa N., lavora per la ANATOMIK fornendo biografie fittizie agli spettri-spia, per aiutarli a combattere l’ansia da amnesia che affligge inesorabilmente tutti gli ectoplasmi, trasformandoli lentamente in poltergeist.

Ah, non dimentichiamo che la Terra è sotto attacco: tempeste di fulmini, forse provenienti dallo spazio, si stanno abbattendo su tutti i cimiteri del pianeta, risvegliando i fantasmi dei morti che, desiderosi di un corpo, non trovano di meglio che i corpi dei viventi come loro nuova dimora…

Leggi tutto »

Posted in Ebook, Fantascienza, Urania Collana | commenti 16 Comments »

Urania Jumbo 15: Dario Tonani, “Naila di Mondo9”

dicembre 22nd, 2020

Tags: , , , , , , ,

Dario Tonani, “Naila di Mondo9”, Urania Jumbo n. 15, gennaio 2021

Dario Tonani, “Naila di Mondo9”, Urania Jumbo n. 15, gennaio 2021

Dario Tonani, “Naila di Mondo9”, Urania Jumbo 15, gennaio 2021

 

Il romanzo del pluripremiato ciclo di Dario Tonani approda anche in edicola, pronto a far viaggiare i lettori di Urania tra mari di sabbia, a bordo delle iconiche navi a ruote che lo contraddistinguono.

Mondo9 è un mondo arido e spietato, i cui mari di sabbia, infetti e letali, sono solcati da maestosi vascelli senzienti, grandi come incrociatori o addirittura portaerei, in grado di cambiare sesso e persino di “accoppiarsi” fra loro.

A trent’anni dai fatti di  “Cronache di Mondo9”ritroviamo Naila, la ragazzina “venuta dalle ruote”, cresciuta e divenuta capitano della baleniera Syraqq, unica donna a essere mai ascesa al ruolo di comando di una nave in un mondo dominato dagli uomini.

Il destino di Naila, del figlio che porta in grembo e della Syraqq si legherà indissolubilmente alla Grande Onda, un micidiale tsunami che secondo le profezie sta per abbattersi sul pianeta.

Il volume è impreziosito dalle illustrazioni di Franco Brambilla, che ha contribuito in modo significativo a dare vita all’immaginario di Dario Tonani con le sue magnifiche tavole, e dal racconto “Sabbia nera”, vincitore del Premio Italia 2019 – come il romanzo di Naila -, uno spin-off che funge da ponte fra la Naila incontrata nelle “Cronache di Mondo9″ e quella del romanzo.

Leggi tutto »

Posted in Urania Jumbo | commenti 17 Comments »

« Previous Entries