News: La trilogia di Nancy Kress

ottobre 10th, 2019

Tags:

Nancy Kress, "Nessun Domani"

Nancy Kress, “Nessun Domani”, Urania 1656, luglio 2018.

AGGIORNAMENTO: i due seguiti di “Nessun domani” di Nancy Kress, contrariamente a quanto annunciato in un primo tempo, usciranno in Urania tradizionale, non in Urania Jumbo. Questo nonostante si tratti di un grande sforzo economico per la collana, visto che si tratta di due romanzi di circa 400 pagine in italiano. Abbiamo preso questa decisione per mantenere la serie di Nancy Kress nella collana principale, dove è già uscito il primo volume, senza costringere gli appassionati ad acquistare i titoli della trilogia in collane diverse. I libri usciranno in traduzione integrale, il primo nel mese di maggio 2020 (titolo: “Se verrà domani”), mentre il terzo è previsto in tempi ragionevolmente brevi, intorno a fine 2020, o al massimo nei primi mesi del 2021, con il titolo “Un domani per la Terra”.

Posted in Dispacci, Urania Collana | commenti 25 Comments »

La storia di Urania

ottobre 5th, 2019

Tags: , , , , , , , ,

La storia di Urania

dal passato al presente,
con uno sguardo al futuro

La storia di Urania

La storia di Urania

Domenica 6 ottobre
dalle ore 19:00

Presso il Laboratorio Formentini
Via Formentini, 10 – Milano

Posted in Dispacci, Fantascienza | commenti 15 Comments »

Urania Collezione 201: Roger Zelazny, “Morire a Italbar”

settembre 28th, 2019

Tags: , , , , ,

Roger Zelazny, “Morire a Italbar”, Urania Collezione n. 201, ottobre 2019

Roger Zelazny, “Morire a Italbar”, Urania Collezione n. 201, ottobre 2019

Roger Zelazny

“Morire a Italbar” 

Urania Collezione 201

Ottobre 2019 
Vita e morte sono due facce della stessa medaglia per “H“, soprannome di Heidel von Hymack, un uomo in grado di curare qualsiasi malattia, oppure… di trasformarsi in una potente arma batteriologia in grado di portare morte e distruzione attorno a sé.

Ma H non è che uno degli ingredienti di questo romanzo, che vede riuniti insieme costruttori di mondi, artisti telecineticimedici ibernati (che non per questo smettono di fare ricerche…), terroristi spaziali e una misteriosa quanto inquietante “Signora Azzurra“.

Leggi tutto »

Posted in Dispacci, Ebook, Fantascienza, Urania Collezione | commenti 8 Comments »

Urania 1671: Robert J. Sawyer, La vendetta dei Quintaglio

settembre 26th, 2019

Tags: , , , ,

Robert J. Sawyer, “La vendetta dei Quintaglio”, Urania n. 1671, ottobre 2019

Robert J. Sawyer, “La vendetta dei Quintaglio”, Urania n. 1671, ottobre 2019

Robert J. Sawyer

La vendetta dei Quintaglio

Urania n. 1671

Ottobre 2019

 

Colpo di coda della Quintaglio Ascension: tornano su Urania i discendenti dei dinosauri, evolutisi su un pianeta lontano, con l’ultimo esplosivo capitolo della trilogia!

Dopo aver avuto i propri “Galileo” e “Darwin” e aver così raggiunto un livello culturale paragonabile a quello del nostro Rinascimento, il popolo dei sauropodi si ritrova a fronteggiare il rischio di una estinzione di massa. Leggi tutto »

Posted in Ebook, Urania Collana | commenti 9 Comments »

Incontri organizzati da Urania a Stranimondi 2019

settembre 21st, 2019

Tags: , , , , , , , , , ,

Gli incontri organizzati da Urania a Stranimondi 2019

Gli incontri organizzati da Urania a Stranimondi 2019

 Programma completo qui.

 

Domenica 13 ottobre

Ore 13:00

Francesca Cavallero, vincitrice del Premio Urania 2018
e i finalisti del Premio Urania Short 2019:
Fabio Aloisio, Elia Gonella, Axa Lydia Vallotto

Ore 18:00

Ricordo di Giuseppe Lippi con Dario Tonani (scrittore),
Stefano Di Marino (scrittore), Silvio Sosio (moderatore)

Ore 19:00
“Strani mondi”, l’antologia italiana di Urania Millemondi

 
Ricordo di Giuseppe Lippi a Stranimondi.
Il ricordo di Giuseppe Lippi a Stranimondi 2019. Da sinistra a destra, Stefano di Marino, Dario Tonani e Silvio Sosio.

Posted in Fantascienza, Fantasy, Millemondi, Premi e concorsi | commenti 11 Comments »

Urania Settembre 2019

settembre 15th, 2019

Tags: , , , , , , , ,

Vi siete già procurati i numeri di settembre?

Mike Resnick, "Cassiopea: Il Castello"

Mike Resnick, “Cassiopea: Il Castello”, Urania n. 1670, settembre 2019

Arthur C. Clarke, "Terra e Spazio" - volume 4

Arthur C. Clarke, “Terra e Spazio” – volume 4, Urania Collezione 200, settembre 2019

Posted in Ebook, Fantascienza, Grandi Saghe, Urania Capolavori, Urania Collana, Urania Collezione | commenti 4 Comments »

Domani è oggi

settembre 2nd, 2019

Tags: , , , , , ,

Nancy Kress, If tomorrow comes

Nancy Kress, If tomorrow comes

Nancy Kress, Terran Tomorrow

Nancy Kress, Terran Tomorrow

Dopo il successo del primo romanzo della trilogia “Yesterday’s Kin” di Nancy Kress, ovvero “Tomorrow Kin” pubblicato da Urania con il titolo “Nessun domani” (Urania n. 1656), che era il prolungamento del romanzo breve “Yesterday’s Kin”, vincitore del premio Nebula, siamo lieti di annunciare che Urania ha acquistato i diritti di pubblicazione in Italia degli altri due romanzi della trilogia, “If tomorrow comes” (book 2) e “Terran tomorrow” (book 3). Si tratta di volumi piuttosto corposi, che in originale si compongono entrambi di 335 pagine in grande formato, e dunque, vista la mole (ricordiamo che le traduzioni integrali in italiano allungano sempre le foliazioni dei libri, almeno di un buon 10-15%).

 

AGGIORNAMENTO: i due seguiti di “Nessun domani” di Nancy Kress, contrariamente a quanto annunciato in un primo tempo, usciranno in Urania tradizionale, non in Urania Jumbo. Questo nonostante si tratti di un grande sforzo economico per la collana, visto che si tratta di due romanzi di circa 400 pagine in italiano. Abbiamo preso questa decisione per mantenere la serie di Nancy Kress nella collana principale, dove è già uscito il primo volume, senza costringere gli appassionati ad acquistare i titoli della trilogia in collane diverse. I libri usciranno in traduzione integrale, il primo nel mese di maggio 2020 (titolo: “Se verrà domani”), mentre il terzo è previsto in tempi ragionevolmente brevi, intorno a fine 2020, o al massimo nei primi mesi del 2021, con il titolo “Un domani per la Terra”.

Posted in Dispacci, Fantascienza, Urania Jumbo | commenti 14 Comments »

Ann Leckie e la Ancillary Trilogy

agosto 30th, 2019

Tags: , , , ,

Oscar Vault logo

Oscar Vault

a cura di Beppe Roncari

Ann Leckie e la “Ancillary Trilogy”

 

Ann Leckie, Ancillary Trilogy

Ann Leckie, Ancillary Trilogy

“Mi sono chiesta: ‘Che cosa farei se avessi venti corpi?’ E il primo pensiero che mi è venuto è stato: ‘Di sicuro mi metterei a cantare musica polifonica da sola!”’

È solo una delle risposte spiazzanti e originali date da Ann Leckie in un’intervista del 2016 a Wired.com. Come spiazzante e geniale è la sua space opera Ancillary Trilogy che Oscar Mondadori Fantastica sta per riportare nelle librerie italiane, in forma completa (i primi due volumi sono già stati pubblicati da Fanucci nel 2015) e con una nuova traduzione, che cercherà di rendere giustizia alla complessità lessicale e semantica dell’“Imperial Radch”, dove la differenza fra i generi è talmente irrilevante che il pronome “lei” viene usato per i personaggi di entrambi i sessi. Differenza, quella sessuale, di ancor più difficile comprensione per la protagonista, Breq, uno dei numerosi corpi “ancillari” dell’intelligenza artificiale della nave spaziale Justice of Toren.

Il mondo descritto da Ann Leckie ha una grande complessità, frutto di uno studio profondo dell’antropologia e di una fantasia senza confini. E se il particolare di un’intelligenza artificiale appassionata di musica polifonica diventa più chiaro quando si scopre che l’autrice stessa, laureata in musica, ne era una grande appassionata, altri dettagli dell’ambientazione possono apparire più criptici. Per esempio, il motivo per cui le Radchaai portano sempre i guanti.

“I guanti per loro sono come i pantaloni per noi” spiega l’autrice. “Noi non andremmo mai fuori casa senza indossarli, è una semplice questione di decenza. Allo stesso modo, se chiedessimo alle Radchaai perché indossano i guanti, ci risponderebbero: ‘Be’, è una questione di decenza. Le mani sono sporche.’”

L’universo dell’Ancillary Trilogy è coerente in tutti gli aspetti, dalle sottigliezze psicologiche alle grandi questioni politiche e religiose. Si ha l’impressione di trovarsi davanti un mondo reale, tinto di tutte le sfumature della vita quotidiana, dalla burocrazia alle intolleranze razziali, perché alla fin fine gli umani rimangono sempre umani, nonostante i viaggi interplanetari, l’incontro con culture aliene e il trascorrere dei millenni.

E chi può raccontare meglio cosa significa essere umani se non qualcuno che ci osservava dall’esterno, con decine di corpi e migliaia di anni a disposizione, ma che si trovi all’improvviso confinato in un singolo corpo umano con un’unica vita a disposizione? Quando si trova scollegata dalle altre unità Esk della Justice of Toren, Breq sperimenta qualcosa che non aveva mai provato prima: paura. Paura di morire, paura di non farcela, ma anche preda della solitudine e di un profondo senso di straniamento, come se le avessero staccato una mano dal corpo. O meglio, come se all’improvviso “Mano” della famiglia Addams sentisse la nostalgia del resto del corpo a cui apparteneva.

Nelle interviste, Ann Leckie ammette di aver fatto fatica a identificarsi in questo punto di vista così particolare. Un’esperienza che l’ha aiutata a farlo è stata lavorare come cameriera. Come molti altri scrittori, infatti, Ann era piuttosto riservata e faceva fatica a interagire con la gente. Lavorando al bar, però, si è abituata ad alcune semplici interazioni, come chiedere ai clienti che cosa volessero ordinare, per poi passare ad azioni più complesse, come improvvisare battute estemporanee. Per scrivere di Breq, un’IA che cerca di imitare i bizzarri comportamenti umani, quell’esperienza le è stata molto preziosa.

Ann ha cominciato a scrivere dopo essere diventata mamma di due bambini avuti nel 1996 e nel 2000, per sfuggire alla monotonia della vita da casalinga. Nel novembre del 2002 ha scoperto il NaNoWriMo (National Novel Writing Month), e ha accettato la sfida di scrivere un romanzo in un mese. Nel 2005 ha frequentato il Clarion West Writers Workshop di Octavia Butler, grazie a cui ha preso definitiva coscienza della propria vocazione. Ma le ci sono voluti altri sei anni per scrivere il primo libro della saga.

Pubblicato nel 2013, Ancillary Justice ha fatto subito incetta di riconoscimenti, aggiudicandosi i premi Hugo, Nebula, Arthur C. Clarke e BSFA. I volumi successivi, Ancillary Sword (2014) e Ancillary Mercy (2015) sono stati candidati al Nebula e hanno vinto il Locus Award. Oggi, a pochi anni dalla sua comparsa in libreria, la Ancillary Trilogy è già un classico della hard science-fiction.

Se ve la fate scappare siete dei Presger!

Posted in Dispacci, Ebook, Fantascienza, Grandi Saghe, Oscar Vault | commenti 11 Comments »

Premio Urania 2019

agosto 29th, 2019

Tags: ,

Premio Urania 2019

Posted in Premi e concorsi, Urania Collana | commenti 6 Comments »

Urania Collezione 200: Arthur C. Clarke, “Terra e Spazio” – volume 4

agosto 28th, 2019

Tags: , , ,

Arthur C. Clarke, "Terra e Spazio" - volume 4

Arthur C. Clarke, “Terra e Spazio” – volume 4, Urania Collezione 200, settembre 2019

Arthur C. Clarke

“Terra e Spazio” – Volume 4

Urania Collezione 200

Settembre 2019

 

“Terra e Spazio” Volume 4 conclude la pubblicazione in italiano di The Collected Stories of Arthur C. Clarke, portando la collana al numero 200!

I precedenti volumi sono usciti su:
Urania Collezione 197 (vol. 1, giugno 2019)
Urania Collezione 198 (vol. 2, luglio 2019)
Urania Collezione 199 (vol. 3, agosto 2019)

Leggi tutto »

Posted in Ebook, Fantascienza, racconti, Urania Capolavori, Urania Collezione | commenti 8 Comments »

« Previous Entries