Urania Jumbo 54: Alastair Reynolds, “Il ritorno della Demetra”

marzo 29th, 2024 by Redazione
Urania Jumbo 54: Alastair Reynolds, “Il ritorno della Demetra”

Urania Jumbo 54: Alastair Reynolds, “Il ritorno della Demetra”

Alastair Reynolds, “Il ritorno della Demetra”, Urania Jumbo n. 54, aprile 2024

 

Fine diciannovesimo secolo. Il dottor Silas Coade è il medico di bordo della Demetra, una goletta partita alla volta dei gelidi fiordi norvegesi alla ricerca di un misterioso artefatto, noto solo all’uomo che ha organizzato la spedizione, e che ha trascinato lì con sé un coraggioso gruppo di avventurieri.

Quando la spedizione sembra prossima alla metà, tuttavia, la nave precipita verso una fine misteriosa.
Per il dottor Coade la tragedia sembra trasformarsi in un brutto sogno, letteralmente.

Si risveglia su un’altra spedizione, un secolo dopo, a bordo di un dirigibile Zeppelin, battezzato anch’esso Demetra, e diretto alla volta di un altro incubo di ghiaccio: le coste antartiche della Patagonia.

Lo stesso evento sembra ripetersi ancora e ancora, nel tempo e nello spazio, e l’unico che pare essere cosciente dello strano déjà-vu è proprio il dottor Silas.

Un incubo che si annida solo nella sua mente o un bizzarro effetto causato dall’artefatto alieno a cui sta dando la caccia?

Preparatevi a scoprirlo in uno stand alone che mescola sapientemente mystery e scifi, dalla penna di un grande maestro della narrativa speculativa.

 

Traduzione di Nicola Fantini.

 

Alastair Reynolds – Astrofisico, è nato a Barry, in Galles, nel 1966. Dopo l’esordio nei primi anni Novanta con Revelation Space (“Rivelazione /1” e “Rivelazione /2”, «Urania» nn. 1550 e 1553), ha pubblicato decine di libri, che spaziano tra la hard sf e la space opera, in cui si riconosce la sua solida formazione scientifica. Insieme a “Redemption Ark” (id., «Jumbo» n. 41) e “Absolution Gap” (id., n. 42), la serie Revelation Space è stata raccolta nel volume “Rivelazione – La prima trilogia” (Oscar Draghi Urania). Tra le sue opere ricordiamo anche “Le cronache di Medusa” (The Medusa Chronicles, 2016, «Jumbo» n. 18), scritta a quattro mani con Stephen Baxter, “I fuochi di Elysium” (Elysium Fire, 2018, n. 24), “Diamanti e turchesi” (Diamond Dogs, Turquoise Days, 2005, «Urania» n. 1697), che riunisce due celebri romanzi brevi di grande efficacia, e “Permafrost” (id., 2019, n. 1704).

 

All’interno, il racconto “Vanishing Point” di Giovanni De Matteo. Ecco cosa ci racconta l’Autore:

“Vanishing Point” riprende l’ambientazione e alcuni personaggi di un mio precedente racconto, “Orizzonte degli eventi”, disponibile in versione integrale sul mio blog.
Su uno sperduto avamposto ai confini della galassia, si intrecciano le avventure di un variegato sottobosco postumano di personaggi ai limiti della legge, tutti con qualche interesse nelle enigmatiche vestigia che una civiltà aliena estinta ha lasciato sugli asteroidi del sistema di Scylla-Niger.
“Vanishing Point” è una storia che deve molto a Samuel R. Delany, M. John Harrison, Greg Egan e Alastair Reynolds, e sono felice che venga riproposta in appendice a un romanzo del grande maestro britannico della new space opera.

 

E inoltre, per Gli Imperdibili di Mauro Gaffo il meglio della fantascienza dell’anno 1967e per Oscar Vault – Il fantastico in libreria, Il pianeta delle scimmie di Beppe Roncari.

 

Buona lettura!

 

EBOOK DISPONIBILE AD APRILE

Posted in Ebook, Grandi Saghe, Urania Jumbo

23 Responses

  1. Viaggiatore del Tempo

    Super attesissima uscita e copertina di un altro pianeta!

  2. paolo f

    Alastair Reynolds e non dico altro !

  3. ORGANIC

    Il mio preferito 👽👽❣️❣️❣️❣️
    Me lo compro….

  4. Maurizio

    Un veliero, un dirigibile, la Norvegia, la Patagonia, ghiaccio, mistero, alieni, avventura, un copertina splendida, la penna (o la tastiera) di Alistar Reynolds: un menù molto succoso! …Un’uscita editoriale decisamente imperdibile! …grazie a tutto il team di Urania!

  5. RAH

    Non vedo l’ora!!!

  6. Silver Apple

    Belle vibrazioni fantahorror Stoker/Campbell/Carpenter.
    Mi piacciono le narrazioni marinaresche. Ho un debole per i dirigibili. Reynolds non ne sbaglia una.

  7. Antikrates

    Anche io lo comprerò, Rivelazione è la mia saga preferita.

  8. Gianni Spagnolo

    Ho una domanda. Visto che quest’anno il primo maggio capita di mercoledì, gli Urania di maggio usciranno comunque quel giorno, oppure la settimana dopo?

  9. Ronerto T.

    Decisamente, per quanto mi riguarda, un Jumbo imperdibile.

  10. L'Operatore Spaziale

    Reynolds è una garanzia!!

  11. Gordie Lachance

    Qual è il titolo originale dell’opera? Grazie.

  12. Redazione

    Ciao @Gordie,
    il titolo originale dell’opera è Eversion.
    Buona giornata!

  13. Redazione

    Ciao @Gianni,
    i volumi usciranno regolarmente, dato che la mattina del primo maggio le edicole sono aperte.
    buona giornata!

  14. Giuseppe

    Bgrn
    A Firenze non uscito….
    Ahimè…

  15. Maria Angela

    Trama stimolante ! Lo acquisterò di certo. Qual’ è la data precisa di uscita in edicola ?

  16. AJdPdR

    X Giuseppe …
    Da quanto mi risulta, a Firenze, il JUMBO arriverà domani …
    Bye

  17. Bibliotecario

    @Giuseppe:
    domani mattina troverai nelle edicole di Firenze Urania Jumbo.
    Te lo dico con certezza, perché il mio edicolante lo ha verificato dalla bolla delle consegne in edicola di domani 09/04. 🙂

  18. Redazione

    Ciao @Maria Angela,
    l’uscita dei volumi di Urania e sorelle (Jumbo, Collezione, etc) è prevista sempre a partire dal primo mercoledì di ogni mese, a meno di eccezioni. La distribuzione può tuttavia variare di zona in zona. Per non perdere i volumi desiderati, consigliamo di prenotarli presso il proprio edicolante di fiducia. Buona serata e buona lettura!

  19. mauro

    Alcuni romanzi di Reynolds sono davvero buoni, altri comunque godibili anche se non entusiasmanti. Questo – ritorno della Demetra tuttavia- mi ha deluso non poco. Con insistenza inutilmente e noiosamente ripettitivo con l’intento evidente di riempire pagine, quando sarebbe bastato molto meno per focalizzare la tematica del personaggio principale che si crede diverso da ciò che in realtà è. Per non dire poi dello sconclusionato e artificiosamente bizzarro racconto d’appendice che, in tutta sincerità, ho trovato semplicemente illeggibile. Mi sono segnato il nome dell’autore per non ricaderci più.

  20. Manuel

    A Messina ho cercato in 6/7 edicole diverse e non l’ho trovato purtroppo, sembra impossibile trovare i libri di Urania soprattutto l’edizione jumbo in alcune città

  21. Redazione

    Ciao @Manuel,
    purtroppo la distribuzione può variare in base alle zone. Consigliamo sempre di prenotare i volumi desiderati presso il proprio edicolante di fiducia.
    Buona serata!

  22. Tom Sawyer

    Beh…sono sostanzialmente d’accordo col parere espresso da @mauro.
    Mi aspettavo molto di meglio e sono d’accordo sui riempitivi, che l’autore si poteva risparmiare, rendendo il romanzo molto più dinamico e interessante.
    In “Demetra” succede qualcosa di simile a “L’alternativa Oppenheimer” di R. Sawyer (dal mio punto di vista il peggiore che ho letto fra quelli di sua produzione): come nel romanzo di Sawyer, dove di fantascienza non si parla se non dopo 130 pagine, anche qui siamo suppergiù allo stesso livello.
    Non disdegno i romanzi lunghi, e men che meno quelli di Reynolds, ma dovrebbero essere pagine il più possibile pregnanti, con poche divagazioni, altrimenti si rischia di annoiare il lettore.

  23. paolo f

    Di certo non è il Reynolds di Revelation Space pero’ è comunque una lettura gradevole.(imho)

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free