Urania 1704: Alastair Reynolds, “Permafrost”

giugno 27th, 2022 by Redazione
“Permafrost”, Alastair Reynolds, Urania n. 1704, luglio 2022

“Permafrost”, Alastair Reynolds, Urania n. 1704, luglio 2022

“Permafrost”, Alastair Reynolds, Urania 1704, luglio 2022

 

Un viaggio nel tempo. Più nello specifico: un viaggio nel tempo… diretto dal passato. 

 

Nel 2080 il futuro è agli sgoccioli, dopo che l’Azzeramento, una catena di catastrofi globali, ha messo in ginocchio l’umanità.

Ma c’è ancora una speranza, seppure appesa a un filo.

Un gruppo di dodici persone, tra medici, scienziati e militari, si sta radunando in segreto su una nave tra i ghiacci del Circolo Polare Artico, sotto la guida dell’intrepido Dottor Cho.

L’impresa a cui mirano sembra impossibile: scongiurare l’imminente tracollo globale, e quindi salvare il presente… andando a operare in modo mirato sul passato.

Ma affinché l’Esperimento Retrocausale Permafrost abbia successo, manca ancora un elemento essenziale alla squadra del Dottor Cho.

Sarebbe facile pensare a un Premio Nobel, o a un eroe di guerra, eppure il membro finale del team non è nulla di tutto ciò.

L’elemento chiave è… un’anziana maestra di scuola.

Intanto, nell’anno 2028, una giovane donna subisce un intervento al cervello, un’operazione di routine che non dovrebbe dare grosse complicazioni.

In un primo momento, infatti, sembra andare tutto secondo i piani, ma nei giorni successivi, la ragazza inizia ad avvertire inaspettati effetti collaterali. Come una strana e angosciosa voce nella testa, dotata di volontà propria.

La voce di un’anziana signora che sostiene di parlarle dal futuro….

“Permafrost” è un thriller post-apocalittico che combina in modo brillante il tema del cambiamento climatico e i viaggi nel tempo, nato dalla penna di uno dei più grandi maestri della fantascienza contemporanea.


Alastair Reynolds – Astrofisico, è nato a Barry, in Galles, nel 1966. Dopo l’esordio nei primi anni Novanta con Revelation Space (Rivelazione 1 e 2, Urania nn. 1550 e 1553), ha pubblicato decine di libri, che spaziano tra la hard sf e la space opera, in cui si riconosce la sua solida formazione scientifica. Tra le sue opere ricordiamo “Le cronache di Medusa” (The Medusa Chronicles, 2016, Jumbo n. 18), scritta a quattro mani con Stephen Baxter, “I fuochi di Elysium” (Elysium Fire, 2018, n. 24) e “Diamanti e turchesi” (Diamond Dogs, Turquoise Days, 2005, Urania n. 1697) che riunisce due celebri romanzi brevi di grande efficacia.

 
All’interno, il racconto “Qubix 9001” di Daniele Pisani. Ecco cosa ci racconta l’autore:

Tre agenti speciali, una missione rischiosa e un mistero attorno a un computer quantico fuori controllo che, assunta autocoscienza e divenuto simile a un essere umano, è divorato da un’ambizione folle. Ma c’è un disegno preciso in questa pazzia: la ricerca dell’alleato ideale, di un prescelto, di importanza cruciale per realizzare un sogno inimmaginabile. Esiste un modo per fermarlo? Sì: il Chew-9, la droga del benessere. Questi gli ingredienti del mio racconto, oltre a una massiccia dose di azione, scontri con armi e armature avveniristiche, e tanta tanta adrenalina, per esplorare, insieme al lettore, il lato più “action thriller”, direi, della fantascienza – genere dalle numerose, e spesso sorprendenti, declinazioni.

 

Per i 70 anni di Urania, continua La storia del Premio Urania con I vincitori 2006-2008, a cura di Mauro Gaffo, e per la rubrica Oscar Vault, il fantastico in libreriaUn ricordo chiamato Impero di Beppe Roncari.

 

EBOOK DISPONIBILE A LUGLIO

Posted in Ebook, Urania Collana

24 Responses

  1. Sal

    Lo aspettavo con la bava alla bocca… oops scusate lo sgocciolio. Cari redattori potete dirci se è prevista la pubblicazione di inhibitor phase?

  2. Redazione

    Ciao @Sal,
    stiamo trattando importanti acquisizioni che speriamo di poter annunciare presto.
    Buona serata!

  3. Viaggiatore Del Tempo

    Non posso perdermelo!

  4. Marco Landi

    un luglio all’insegna di Reynolds!! questo imperdibile, e ho già preso il drago di Rivelazione… speriamo davvero tanto in Inhibitor phase e Everness 😉 😉

  5. Marco Landi

    Eversion, sorry

  6. Maurizio

    L’autore è una garanzia. La sinossi è molto interessante. La copertina è più che eccellente! …Urania! Ci vediamo presto in edicola!!

  7. Kronos H

    I commentatori dell’edizione inglese ne parlano bene.

  8. Ilpunitore

    Da prendere. Bella cover!

  9. Paolo Losio

    La gioia di ritrovare Reynolds è oggi rafforzata dalla tanto attesa uscita del volume dei Draghi con la trilogia della rivelazione. È già nella mia libreria!!!
    Grazie!!!!

  10. L'Operatore Spaziale

    Reynolds è una garanzia!

  11. paolo f

    Oltre ai titoli gia’ citati, io spero nel ciclo del “Revenger Universe”.

  12. pasquale oliviero

    Favoloso,al più presto speriamo nell acquisizione dei diritti di House of the Suns dello stesso REYNOLDS. Grazie per l eccellente lavoro editoriale .

  13. Daniele

    Concordo con Pasquale Oliviero. Ci sono alcuni romanzi “autonomi” di questo autore che all’estero sono considerati capisaldi come House of Suns e Pushing Ice e che da noi non sono considerati. Si potrebbero spezzare in due volumi se questo fosse il problema. Grazie per l’attenzione)

  14. Stefano-B

    Arriva un romanzo di Reynolds (gran autore e sempre ben accetto!!) e si parla già di altri suoi romanzi non ancora tradotti… si guarda già al poi… ma godersi il qui e l’adesso è così difficile? Mah

  15. Sal

    Buongiorno senza nessun intento polemico, per quanto possa interessare a coloro che leggono questo blog, vorrei esprimere il mio punto di vista su due degli ultimi post pubblicati. Non sono d’accordo con Daniele sullo spezzare romanzi molto lunghi. Preferirei molto di più alternative quali creare eventualmente una collana di Super Jumbo dove pubblicare testi extra-lunghi, oppure variare il prezzo di urania e jumbo a seconda del numero di pagine… tutto pur di non vedere di nuovo romanzi spezzati. Per quanto riguarda il post di Stefano-B personalmente mi godo il qui e l’adesso ma non mi limito a quello. Mi piace anche il li’ e l’allora tipo le anticipazioni che negli ultimi anni offrono la panoramica completa delle pubblicazioni dell’anno successivo. Le aspetto con impazienza e me le gusto con avidità e il suggerire alla redazione eventuali libri da pubblicare serve anche ai redattori stessi per avere un quadro abbastanza fedele delle preferenze dei lettori. concludo ribadendo la totale assenza di qualsiasi intento polemico. Buona giornata a tutti.

  16. Francesco

    Esce a metà luglio? Figata!

  17. Marco Landi

    perchè dividere i romanzi in due parti? sono libri da 500 pagine circa, come molti jumbo stampati fino ad adesso… mica sono volumi da 1000 pagine…

  18. Stefano-B

    @ Sal:

    alla fin fine concordo pienamente con quanto hai detto sulle anticipazioni e sui suggerimenti alla redazione. Forse sono stato un po’ impulsivo…

    Sarà che mi ha fatto strano vedere alcuni post contenenti solo richieste, senza un po’ di sano entusiasmo per quest’uscita, ma forse ho dimenticato com’è essere un fan insaziabile :)

  19. Daniele

    @Redazione…
    Negli strilloni in appendice si preannuncia ad agosto un Urania Jumbo diverso dal programmato terzo ed ultimo volume della trilogia di Peter Hamilton!?!?!?

  20. Redazione

    Ciao @Daniele,
    l’ultimo volume della trilogia Salvation di Peter Hamilton è in previsione per settembre.
    Buona giornata e stay tuned!

  21. Gianpaolo

    @Redazione
    Non ho ancora il volume sottomano (nella mia edicola, dove solitamente arrivano come tutte le altre collane, hanno dovuto ordinarlo dal distributore…), ma quindi ad agosto cosa è previsto? Anticipate Sawyer?
    Grazie.

  22. ermann57

    Non riesco a capire questo entusiasmo per quest’ultima uscita di Reinolds, come “Proiettili Lenti” sono romanzi di scarsa qualità non a livello di altre opere.

  23. Daniele

    “Proiettili lenti” non mi ha fatto impazzire, ma questo “Permafrost” è tra le migliori short novel a tema viaggi nel tempo mai letti (e a me il tema TEMPO spesso mi lascia confuso/perplesso).

  24. LINO

    L’ho cominciato stamane e quasi finito (vabbè, sono solo 150 pagg., ma densissimi). Secondo me quest’autore deve ancora scrivere il suo capolavoro, ma questo romanzo breve ne é un assaggio. Solo un grande scrittore può raccontare una storia su un tema abusatissimo, riuscendo comunque a entusiasmare. Grandissimo Reynolds!

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free