Vincitore assoluto del Premio Urania Short 2018

gennaio 22nd, 2019 by Redazione

PREMIO URANIA SHORT 2018

IL VINCITORE ASSOLUTO

 

Si è conclusa l’edizione 2018 del Premio Urania Short, che ha visto la pubblicazione sul fascicolo di novembre di Urania dei racconti che si erano classificati finalisti, ovvero:

 

I polmoni del nuovo mondo di Massimiliano Giri

Quid est veritas? di M. Caterina Mortillaro

Questioni d’onore di Valentino Poppi

 

La redazione di Urania ha chiesto ai lettori di stabilire il vincitore assoluto, tramite una scheda voto inserita nel fascicolo, e la valutazione si è conclusa il 15 gennaio, termine ultimo per l’invio delle schede.

 

Sono giunte in redazione 103 schede valide, che hanno stabilito, come vincitore assoluto dell’edizione 2018 del Premio Urania Short, il racconto:

I polmoni del nuovo mondo

di Massimiliano Giri

 

con un totale di 67 preferenze. Seconda classificata è giunta M. Caterina Mortillaro, con 27 schede valide, mentre Valentino Poppi ha ricevuto 9 schede a suo favore.

Massimiliano Giri

Massimiliano Giri

Ringraziando i lettori per la loro partecipazione, e complimentandoci con Massimiliano Giri per la sua affermazione, invitiamo tutti a partecipare all’edizione 2019 del Premio Urania Short, che prevede la pubblicazione dei tre racconti finalisti sul fascicolo di novembre 2019 di Urania, insieme alla scheda voto per il giudizio popolare.

Posted in Premi e concorsi, Profili

13 Responses

  1. Gianfranco "Lucky" Lucchi

    Solo 103 schede?
    Evidentemente ha prevalso il dispiacere di mutilare un prezioso libretto…

  2. Valentino Poppi

    Bravo Massimiliano, complimenti!

  3. Gian Osvaldo Orlandi

    E pensare che c’è chi ha comprato due volumi, per votare e per conservare il libro con la scheda.
    Comunque bravi tutti, chi si è messo in gioco, è chi ha partecipato col proprio voto.

  4. Gianfranco "Lucky" Lucchi

    @ Valentino
    Caro collega Ingegnere (quando volessi possiamo tornare privatamente su questo punto) ho molto apprezzato il rigore scientifico (tipico (ahimè) della nostra professione) ma da subito convinto che non avrebbe fatto presa sui lettori, almeno nella misura dovuta.
    Sono però convinto che una “finzione scientifica” non possa essere del tutto avulsa da una realtà, in essere o in divenire.
    Per cui, non demordere, ma tieni sempre presente dove vuoi arrivare.
    Mi aspetto grandi cose
    Gian

  5. Jimi Paradise

    Complimenti ai partecipanti e al vincitore!

  6. Massimiliano Giri

    Ciao ragazzi e grazie a tutti! Grazie mille Valentino!

  7. Gianfranco "Lucky" Lucchi

    @ Massimiliano: i complimenti di un vecchio Uraniofilo

    @ Redazione: 103 schede valide sono troppo poche; per me, due le ragioni: la pigrizia in primis, ma anche “il dispiacere della mutilazione” del prezioso volumetto; si può pensare a qualche soluzione, almeno per la seconda?

  8. ophiucus75

    Nettamente il racconto migliore, anche se mi sono dimenticato di votare, sob.

  9. Stefano-B

    Io non ho votato. Non avevo la minima intenzione di ritagliare una pagina dal mio urania.

    Anche se “simpatica” e vintage, sta cosa di dover ritagliare parti del volume per poter partecipare a votazioni e ai premi Urania mi pare un po’ una ca**ta pazzesca.

    Di sicuro negli anni Duemila si può trovare un modo più semplice e diretto votando online.

  10. Massimiliano Giri

    @ Gianfranco: grazie mille, anche per la bellissima spilla che conservo come un vero tesoro!

    @ Ophiucus75: grazie di cuore!

  11. Stefano Rizzo

    Ritagliare sicuramente è qualcosa che ha limitato il numero dei voti. Si potrebbe votare online con un codice univoco che si può stampare a fine volume?

  12. FabioDV

    Ciao e complimenti al vincitore e a tutti e 3 i concorrenti.
    Peccato per il basso numero di votanti, credo che non sia solo per il dover ritagliare i libri ma anche spedire una busta col francobollo, in effetti è qualcosa che non facevo da tanto tempo. A me non è spiaciuto troppo, ma una soluzione più virtuale potrebbe agevolare una maggiore partecipazione.

  13. ophiucus75

    Di nulla Massimiliano Giri@, a dire la verità mi sembrava un soggetto molto buono anche per successive estensioni, invece di pompare a livello romanzo storielle banali hai fatto l’inverso concentrando in poche pagine l’estensione del romanzo, arricchendolo di tonalità weird, richiami ai classici latini e uno sguardo di fondo sulle molteplicità dell’universo ricco di afflati simakiani, premio meritatissimo.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free