Urania Collezione 203: Frank Herbert, “Il morbo bianco”

novembre 29th, 2019 by Redazione
Frank Herbert, “Il morbo bianco”, Urania Collezione n. 203, dicembre 2019

Frank Herbert, “Il morbo bianco”, Urania Collezione n. 203, dicembre 2019

Frank Herbert, “Il morbo bianco”, Urania Collezione 203, Dicembre 2019.

 

Cosa succederebbe se un morbo sterminasse la maggior parte delle donne del pianeta?

Quando il biologo molecolare John Roe O’Neil vede la moglie e i figli morire in un devastante attentato terroristico dell’IRA, decide di far scoprire al mondo cosa voglia dire davvero soffrire.

Gendericidio“. È questo il termine più adatto per descrivere l’effetto del “morbo bianco“, creato e rilasciato dal protagonista: gli uomini diventano portatori sani, mentre le donne… si ammalano e muoiono. Proprio come la sua Mary.

Ben presto, le zone colpite dal morbo sprofondano nel caos, le poche donne rimaste diventano ostaggi al centro di contese che di umano hanno ben poco. Gli uomini stessi si comportano alla stregua di animali e la civiltà così come la conosciamo inizia un terribile, inesorabile declino.

Gli altri paesi non rimangono a guardare e cercano di “contenere” il propagarsi dell’epidemia in tutti i modi possibili. E il futuro del mondo rimane appeso a un filo di speranza.

 

Frank Herbert (1920 – 1986 ) è uno dei più amati autori di fantascienza statunitensi. A portarlo al successo mondiale furono i romanzi del ciclo di Dune (1965 – 1985), il primo dei quali è stato portato sullo schermo da David Lynch nel 1984 e prossimamente nel 2020 da Denis Villeneuve.

The White Plague (1982, “Il morbo bianco”) è stato nominato per il Locus Award come miglior romanzo del 1983.

Fra le storie dell’autore già pubblicati sulla collana, oltre al mitico “Smg. ‘RAM’ 2000″ dell’Urania n. 194 (gennaio 1959), ricordiamo: “Gli occhi di Heisenberg” (Urania Collezione n. 151) e i due romanzi “Progetto coscienza” e “Salto nel vuoto”, quest’ultimo scritto insieme a Bill Ransom (Urania Millemondi n. 69: Pandora e altri mondi).

 

Buona lettura!

 

EBOOK DISPONIBILE A DICEMBRE

Posted in Ebook, Urania Collezione

9 Responses

  1. Roy Batty

    Spettacolare copertina che rende anche bene l’idea del genere che tratta, come sempre Urania è una istituzione in fatto di qualità, e finalmente (da quando prendo gli Urania) è il mio primo numero del grande Frank Herbert che prenderò a Dicembre: Grazie! :)

    Comunque, nonostante apprezzo la trasposizione cinematografica di Dune di Lynch del 1984 (e la versione estesa ‘mai trasmessa al Cinema e in TV’ dura 3 ore e 10), mi auguro che quello di Villeneuve sia un successo.. al contrario dell’intoccabile Blade Runner di Scott / Philip K. Dick

  2. Jimi Paradise

    Un romanzo dalle tematiche molto attuali da un autore conosciuto praticamente solo per il ciclo di Dune…

  3. Roy Batty

    @Jimi Paradise non sono del tutto d’accordo, è vero che il Ciclo di Dune è quello che lo ha consacrato tra i grandi della fantascienza essendo l’opera più celebre, ma è noto comunque anche per altre opere che non sono al livello di Dune ma sono comunque piccoli capolavori.

    Dune che poi nonostante i sei libri, per come si conclude il primo libro è a suo modo un libro auto-conclusivo.

  4. Anacho

    Ho un gran bel ricordo di questo romanzo, sono contento che lo abbiano ripubblicato.

  5. Jimi Paradise

    @Roy Batty

    Il mio era assolutamente una discorso “difensivo” delle opere minori e meno conosciute 😉

  6. Roy Batty

    @Jimi Paradise pardon allora, avevo frainteso :)

  7. Punisher

    Autore e titolo molto interessanti!!!

  8. Roy Batty

    Ho controllato sull’altro sito i titoli di Gennaio 2020, come sempre siamo ad alti livelli tornando, e riproponendo, un autore e maestro indiscusso come è stato Arthur C. Clarke, notevole l’uscita in contemporanea anche con un davvero ottimo scrittore come Alan Dean Foster.

    Comunque, essendo ora come ora introvabile, spero molto che riuscirete un giorno a riportare alla luce un romanzo fantascientifico-horror come “La Cosa” del 1981, -scritto proprio da Alan Dean Foster- dal quale nel 1982 ne uscì il celebre film omonimo con Kurt Russell.

    Poi l’originale sarebbe del 1938 “La Cosa da un altro mondo” di John W. Campbell, comunque tutto questo era una semplice richiesta e mio desiderio.. visto che sono opere ingiustamente un po’ dimenticate, non essendoci state più ristampe ai giorni d’oggi.

  9. AJdPdR

    @ Roy Batty …
    Dalla ‘novella’ di Campbell venne tratto un film in bianco e nero che uscì in Italia nel 1952 …
    https://www.imdb.com/title/tt0044121/

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free