Urania Millemondi 69: Pandora e altri mondi

novembre 3rd, 2014 by Moderatore

pandoraprevPROGETTO COSCIENZA (Destination Void, 1966)

Le ricerche per sviluppare l’intelligenza artificiale si svolgono sulla Luna, dove le condizioni sembrano più sicure. Qui viene allestita la prima astronave interstellare guidata da un OMC (Organic Mental Core, Centro di controllo organico) che sarà
popolata da cloni e diretta verso un pianeta della stella Tau Ceti. Questo, almeno, stando alle versioni ufficiali…

SALTO NEL VUOTO (The Jesus Incident, 1979)

Il Progetto è ormai realtà. Per portare a termine quest’impresa gigantesca sono state progettate astronavi così complesse che possono essere governate solo da una simbiosi fra uomini e macchine, fra l’intelligenza biologica e quella artificiale. Ma le navi intelligenti hanno un loro punto di vista sull’argomento, e non è detto che coincida con quello dell’uomo. Il brusco risveglio di Raja Flattery, ben prima dell’arrivo nel sistema di Tau Ceti, è perciò l’inizio di una drammatica odissea fra il vuoto dello spazio e l’ambitissimo pianeta Pandora.

FRANK HERBERT È nato nel 1920 a Tacoma, nello stato di Washington,
ed è morto nel 1986 a Madison, Wisconsin. Famoso in tutto il mondo per i
romanzi del ciclo di Dune (1965-1985), il primo dei quali portato sullo schermo da David Lynch, è uno degli autori più amati della moderna science
fiction americana. “Urania”, che lo ha pubblicato fin dal 1959 con Smg RAM
2000 (The Dragon in the Sea, 1956), presenta qui due romanzi legati da una
traccia comune, le intelligenze artificiali e il favoloso pianeta Pandora.

BILL RANSOM Nato nel 1945, è autore di Salto nel vuoto con Frank Herbert e dei romanzi Jaguar, ViraVax e Burn.

EBOOK DISPONIBILE

Posted in Millemondi

14 Responses

  1. Armando

    Nessun accenno, ahimè, nella prefazione del signor Lippi, all’eventuale futura pubblicazione dei successivi due romanzi, “The Lazarus Effect” e “The Ascension Factor”, che completerebbero il ciclo …..

    :(

  2. anacho

    Due romanzi molto belli, che avvincono dalla prima all’ultima pagina, assolutamente da leggere.
    Spero che i due romanzi inediti che chiudono la serie di Pandora siano nei programmi di Urania, magari nella collana madre.

  3. Giuseppe Lippi

    I due romanzi inediti seguiranno.

  4. heropass

    Un ringraziamento ad Armando per le sue informazioni.

  5. matteo

    ma questo romanzo ha una chiusura che ha senso o c’é un finale tipo “…Lo sapremo nella prossima bat-puntata!”?

  6. Silver Apple vive ancora

    Anche il ciclo di Dune si chiude tipo “lo sapremo nella prossima bat-puntata”.
    Credo che qualcosa di sciatto e mal scritto di Frank Herbert non esista, a livello di scenari è destinato a rimanere insuperato nei secoli dei secoli per realismo e dettagli e riusciva a dare spessore drammatico ad un verme di sei metri con la faccia di un bambino!
    In casa dovrei avere anche un suo contagio-thriller, preso sulla fiducia e con immensa simpatia.
    L’ennesimo bel millemondi che colma pure una lacuna: non ho mai visto in giro libri di Frank Herbert che non fossero del ciclo di Dune.

  7. Riccardo

    Aspettavo con un certo fremito questa uscita e per ora solo emozioni forti, con passaggi che se escludiamo i computer a schede perforate, possono stare a mezzo secolo di distanza accanto ai più osannati luminari della barocco space opera contemporanea… Che poi stiamo sempre parlando di Herbert, mica di un Laumer o Garrett o qialsiasi mestierante vi venga in mente… Un solo appunto/dubbio: le traduzioni sono state riviste e allineate? I due romanzi all’epoca furono pubblicati separatamente, da Fanucci (il 1°) e su Urania (il 2).Perché in quarta si parla di Centro di Controllo Mentale Organico e dentro il libro di Nucleo Mentale Organico, che meglio sintetizza la sigla originale Organic Mental Core? @Lippi: questi non sono i due migliori romanzi del ciclo come lei scrive nella Intro (che vuol dire poi?) ma più obiettivamente quelli la cui traduzione era già disponibile in italiano. Fate cosa più che giusta quindi a voler completare il ciclo. Ma faccia in modo che avvenga prima che mi sposi 😛 In bocca al lupo, aspettiamo notiziole sulla programmazione 2015…

  8. anacho

    I due romanzi si possono leggere tranquillamente da soli.
    La pubblicazione dei due romanzi conclusivi è un’ottima notizia, Herbert è un grande scrittore ma anche Ransom non scherza affatto.

  9. Massimo Luciani

    @matteo il primo romanzo è nato come storia singola e solo dopo parecchi anni Herbert scrisse i seguiti assieme a Bill Ransom. Il secondo romanzo ha un finale che però lascia anche la porta aperta al seguito.

  10. Armando

    Un ringraziamento al signor Lippi per la gradita precisazione …..

    :)

  11. Fortesque80

    Dal punto di vista tecnico/scientifico sono romanzi accurati o virano maggiormente verso il lato fanta?

  12. Massimo Luciani

    @Fortesque80 questi sono più che altro romanzi filosofici. C’è ben poco di tecnico/scientifico dato che a Frank Herbert interessava parlare di altre cose.

  13. Il Trasfigurato

    Acquistato proprio oggi, era l’ultimo in libreria ( si è una libreria-edicola, e gli Urania & Co li mettono nel reparto libreria ), ormai sono pensionato e purtroppo sono tornato agli anni ’50…. Debbo limitarmi nelle spese, ma oggi ho rinunciato al pesce e preso il MILLEMONDI, non avevo proprio nessuno dei due romanzi. Complimenti per la scelta……

  14. Luca Sironi

    per quando e’ prevista la pubblicazione/traduzione di

    The Lazarus Effect e
    The Ascension Factor

    ?

    grazie

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free