Intervista a Claudio Vastano

novembre 4th, 2018 by Redazione
Claudio Vastano

Claudio Vastano, vincitore del Premio Urania 2017

Le nostre congratulazioni più sincere a Claudio Vastano, vincitore del Premio Urania 2017 e autore del romanzo “Simbionti”, in edicola questo mese su Urania n. 1660. Abbiamo chiesto a Claudio di rispondere ad alcune domande e lui è stato tanto gentile da concederci questa intervista. Buona lettura!

 

Ciao Claudio, come e quando è nata in te l’idea di scrivere “Simbionti”?
Buona parte degli argomenti presenti in questo romanzo (come la manipolazione del DNA e le biotecnologie al servizio dell’ambiente) sono legati al mio percorso di studi universitario. Per un certo periodo di tempo, infatti, mi sono dedicato allo studio dei biosensori, microrganismi geneticamente modificati che sono in grado d’indicare la presenza di un dato inquinante nell’ambiente in cui vengono immessi.

 

In che modo sei approdato al Premio Urania? Avevi già in mente di partecipare mentre scrivevi il romanzo? È stato il tuo primo tentativo o avevi già partecipato in passato?
Eh, sì, questo è il mio quinto “giro di ballo” al Premio Urania. Quest’anno, per fortuna, ho avuto più tempo per correggere le spigolosità della trama. Come lettore, invece, seguo i romanzi Urania già dai tempi delle scuole superiori (e quindi da molti, molti anni).

 

Il tuo romanzo si innesta sul filone della fantascienza catastrofista. Quali sono state le tue fonti di ispirazione?
Sicuramente le opere di Michael Crichton, e in particolar modo uno dei suoi ultimi romanzi, “Preda”.

 

Claudio Vastano, "Simbionti"

Claudio Vastano, “Simbionti”,
Novembre 2018, Urania n. 1660

Spesso la fantascienza è uno specchio collocato nel futuro ma orientato sul presente. Questa affermazione è valida anche per “Simbionti”? Quali aspetti della società attuale riflette il tuo romanzo?
“Simbionti” è ambientato in un futuro tutt’altro che lontano e gran parte delle tecnologie descritte nel romanzo esistono già ai giorni nostri. Fino a venti o trent’anni fa sarebbe stato quantomeno azzardato cercare di trasporre un argomento apparentemente “banale” come lo smaltimento degli inquinanti in un romanzo di fantascienza. Negli ultimi tempi, però, abbiamo preso coscienza del fatto che, a causa dell’esplosione demografica e dello sfruttamento sconsiderato delle risorse naturali, il nostro pianeta è divenuto un ricettacolo sempre più fragile e angusto. E su questo tema – peraltro molto concreto – la narrazione fantascientifica non può che trovare terreno fertile su cui prosperare.

 

Quali progetti hai per il futuro dopo aver vinto il Premio Urania? Scriverai nuovi romanzi di fantascienza, magari un seguito per “Simbionti”, oppure ti concentrerai su altri generi?
La fantascienza è il genere letterario con cui mi sono “fatto le ossa”, e sicuramente non lo abbandonerò. Provenendo da una famiglia di lettori robusti, ed essendo stato circondato fin da piccolo da saggi e romanzi di un po’ tutti i generi, mi piacerebbe esplorare anche altre strade. Al momento sono dietro alla stesura di un romanzo ambientato su Europa, la luna ghiacciata di Giove dove – si ipotizza – potrebbe esistere un vasto oceano sotterraneo. Chissà che non decida di farlo partecipare a una delle prossime edizioni del Premio.

 

EBOOK DISPONIBILE!

 

Posted in Ebook, Interviste, Premi e concorsi, Urania Collana

3 Responses

  1. Jimi Paradise

    Ottimo romanzo e ottima intervista! Complimenti!

  2. Redazione

    Grazie, @Jimi Paradise! 😉

  3. Il Trasfigurato

    Buona intervista, e complimenti per Vastano che ho letto on line non è al suo primo romanzo. Se mi contatta per darmi un poco di notizie più dettagliate di quelle che trovo sulle ”home page” dei suoi editori, potrei predisporre la pagina su Wikipedia, per come già fatto in passato con Piero Schiavo Campo. ”Ad maiora”!

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free