Urania Collana 1655: Pianeta parallelo

giugno 3rd, 2018 by Moderatore


Everett Singh è riuscito a fuggire dalle grinfie di Charlotte Villiers, ma a un prezzo altissimo: la perdita di suo padre, il fisico Tejendra Singh, in uno degli universi paralleli del multiverso. Ora, a bordo della Everness, Everett sta studiando l’Infundibulum, la mappa dei mondi della Panoplia redatta dal padre, per effettuare il prossimo salto Heisenberg che condurrà lui e l’equipaggio della nave in un altro dei mondi paralleli. Ma la malvagia Charlotte Villiers è un passo avanti a lui…

IAN McDONALD Metà scozzese e metà irlandese, Ian McDonald è nato nel 1960 e vive a Belfast. Con il romanzo King of Morning, Queen of Day ha vinto il premio Philip K. Dick (1991) e con il racconto “La moglie del djinn” lo Hugo (2007). I suoi libri più noti in Italia sono Necroville (un horror del 1994), Forbici vince carta vince pietra (1994, “Urania Collezione” n. 138), I confini dell’evoluzione (1995) e Il fiume degli dei (2004, supplemento “Jumbo” n. 40), premiato dalla British Science Fiction Society e finalista allo Hugo. Pianeta parallelo (Be My Enemy, 2013) è il secondo libro della serie Everness, iniziata con Terra incognita (Planesrunner, 2011, “Urania” n. 1638).

All’interno, il racconto “Fischio d’inizio” di Davide De Boni

EBOOK DISPONIBILE 

Posted in Urania Collana

13 Responses

  1. Jimi Paradise

    Quando si completano i cicli sono sempre contento! Poi quando si tratta di inediti di autori di questo calibro… A tal proposito volevo chiedere, visto che ci avviamo a veder pubblicati autori che potremmo ormai definire sempre più “uraniani”, se per caso avete in programma di pubblicare altre firme classiche degli anni ’80-’90 che hanno bibliografie parzialmente tradotte in italiano e le cui opere possiamo tranquillamente ritenere classiche. Penso a C.J.Cherryh e Ben Bova (di cui avete pubblicato già qualcosa) ma anche a Farmer, David Brin, Baxter, etc… Sull’amato Banks mi avete ingolosito con le anticipazioni del mese scorso e sto già sognando di vedere tradotto l’intero Ciclo della Cultura.

  2. Viaggiatore Del Tempo

    Era già da un pò che aspettavo questo seguito ma dopo aver letto Terra Incognita ed essere rimasto abbastanza deluso ho deciso di non proseguire questo ciclo.Romanzo dallo stampo troppo young per i miei gusti.A questo punto aspetto la triologia “Luna” incrociando le dita questa volta

  3. anacho

    Un filo inferiore al bellissimo primo capitolo, però molto godibile.
    Notevole l’idea del nuovo nemico, l’alter ego di un universo alternativo del protagonista.
    Speriamo di non dover aspettare un anno e mezzo per la terza parte.

  4. giuseppe

    Cara Urania, ti seguo dall’età di 16 anni (adesso ne ho 63) e scorrendo la mia collezione mi è capitato sotto gli occhi il nome di Charles Eric Maine, un buon artigiano della penna, di cui Urania ha pubblicato numerosi romanzi. Rimangono tuttavia inediti i seguenti. “Escapement” (1956), “The mind of Mr.Soames” (1961), da molti critici considerato il suo capolavoro, e “The Random Factor” (1971). Mi piacerebbe che Urania pubblicasse questi titoli o almeno il suo capolavoro per accontentare i lettori della vecchia guardia. Ringrazio la redazione per l’attenzione.

  5. paolo f

    e il mese prossimo torna l’ottima
    Nancy Kress con “Tomorrow’s Kin”
    da non perdere

  6. KOENIG

    Perchè non pubblicare anche opere di Kim Stanley Robinson?

  7. paolo f

    ma e’vero che la trilogia BROKEN EARTH di N.K Jemisin sara’pubblicata su
    Oscar Fantastica in libreria e non piu’
    su Urania Jumbo?

  8. Jimi Paradise

    @paolo f @redazione

    A quanto pare sembra confermata l’uscita su Oscar Fantastica. Ma mi sembra anche giusto, Urania ha sempre fatto da apripista nella scoperta di autori, in questo caso c’è un passaggio a stretto giro con la collana da libreria. Non ci vedo nulla di male, l’importante è che escano sempre più libri fantastici in italiano (anche se “aborro” il science fantasy)…

  9. Lee

    @Paolo f si.

  10. paolo f

    @ Lee grazie
    @ Jimi Paradise mica ho detto che é un male ! Al contrario: potremo comunque leggere la Jemisin sugli Oscar e magari nei Jumbo ariveranno prima del previsto
    Peter Hamilton e Alastair Reynolds

  11. Jimi Paradise

    Magari!!! ;)))

  12. Mauro De Santis

    @paolo f: Ci ho pensato anche io… Al solo pensiero che -grazie allo spostamento di N.K Jemisin sugli Oscar Fantastica- Peter F. Hamilton potrebbe arrivar prima del previsto sulle pagine di Urania Jumbo, mi vengono gli occhi lucidi per la felicità… :-):-):-)

  13. Redazione

    Segnaliamo a tutti che Urania è una pubblicazione da edicola, con un pubblico abbastanza diverso da quello delle librerie. E dunque, fra Urania Jumbo e Oscar Fantastica intercorre una sinergia che si esprime con l’acquisizione di opere che saranno pubblicate in entrambe le collane. Con la “vampata” di un solo mese per le edicole, e poi una più duratura permanenza in libreria grazie a Oscar Fantastica. È in quest’ottica che acquisizioni come la trilogia della Jemisin, “Binti” della Okorafor, la trilogia “Luna” di Ian McDonald e altri titoli che stiamo valutando, vedranno una doppia pubblicazione, sia in Urania Jumbo sia, poi, in Oscar Fantastica.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free