Urania Collana 1648: Il sigillo del serpente piumato

ottobre 23rd, 2017 by Moderatore

.
 Deciso a conquistare la cantante Jane Ross, Ivan Korvich cambia nome, lascia la città natale di Kiev e poi la Terra stessa. Il pianeta dove la ragazza si esibisce è Parvati, dove Ivan – ora Johnny – viene a sapere di una razza di giganti che terrorizzano tutti. È la sua occasione: se riuscirà a sconfiggere almeno un gigante, per Jane diventerà un eroe… Così avviene, ma Jane è a sua volta un’eroina fatta e finita, non crede alle favole e dopo un po’ se ne va per la sua strada, diretta al pianeta-prigione Apollo. Perché? Quali segreti nasconde il fosco mondo abitato soltanto da un migliaio di deportati? Da Sheckley a Jack Vance, esiste su “Urania” una lunga tradizione di romanzi fanta-cavallereschi, di avventure nello spazio che ricordano le canzoni di gesta in chiave paradossale e avveniristica. Oggi Piero Schiavo Campo si aggiunge alla schiera e questo romanzo – vincitore del nostro premio annuale – lo conferma come uno dei migliori esponenti della galassia fantascientifica di oggi.
PIERO SCHIAVO CAMPO Nato a Palermo nel 1951, è vissuto a Milano e a Bologna, occupandosi anche di astrofisica. È docente a contratto di Teoria e tecniche dei nuovi media all’Università di Milano Bicocca e risiede a Bregnano in provincia di Como. Ha già vinto il premio Urania nel 2013 con il romanzo L’uomo a un grado Kelvin.
All’interno, il racconto “Saltare avanti” di Linda De Santi, vincitore del premio Urania Short 2017

EBOOK DISPONIBILE

Posted in Urania Collana

7 Responses

  1. Diego

    Fra tutte le uscite del mese, questa mi sconfinfera più di tutte. Grande curiosità.

  2. John Gordon

    “Romanzo fanta-cavalleresco”.

    Ok, non mi serve sapere altro per decidere di comprarlo.

  3. Nicola

    C’è speranza di rivedere pubblicato Rivelazione di Alastair Reynolds? Ormai è introvabile

  4. John Gordon

    @Nicola

    Per mia fortuna, sono riuscito a recuperarlo attraverso la biblioteca del mio paese. A tutt’oggi, credo sia l’unica possibilità per poterlo leggere in italiano, visto è veramente introvabile ormai.
    E ovviamente, mi aggiungo a tutti quelli che sperano di poter vedere Rivelazione ripubblicato, magari in volume unico

  5. gneo

    Spero vivamente che le richieste di molti lettori relative a Reynolds e Hamilton vengano prima o poi esaudite perché se si continua a pubblicare roba come il presente romanzo (Il sigillo…) che ho appena terminato di leggere non si fa un bel servizio alla fantascienza.

  6. Silver Apple

    Non è il tipo di fantascienza che amo particolarmente… per quanto mi riguarda la quarta di copertina è a dir poco respingente… Così su due piedi non mi interessa perché la tipa se ne è andata o cosa c’è sul pianeta dei prigionieri… ma è una cosa più generalizzata rivolta alle quarte di copertina… apprezzo molto la premura di non disseminare troppi spoiler ma le domande vintage messe così… tipo “Quale segreto custodisce la tipa?” o “Cosa spinge un tizio a fare ‘sta cosa?” devo dire che non destano mai il mio interesse. Non so… in più penso che sia un’operazione retromane applicata ad una cosa di cui non ho nostalgia… magari nel suo genere anche ben fatta.
    Cosa mi ha spinto a comprarlo anche se superficialmente suscita il più totale disinteresse? Secondo me è giusto comprare l’uscita di novembre col Premio Urania, non rifiutarla a priori… e non di rado non mi dispiacciono affatto… fino a tempi non recentissimi… perché è un po’ che non riesco a leggere quanto vorrei.

  7. Dario

    Non mi esprimo sul libro perché non l’ho ancora letto, prima devo finire un mattone da 500 pagine di Jack Vance, però ho letto il racconto in appendice, quello mi è piaciuto molto e lo dico da partecipante al concorso che è uscito sconfitto e con parecchia bile riversa.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free