Urania Collezione 171: Il pianeta dimenticato

marzo 16th, 2017 by Moderatore

COP_urania_coll_171.coverC’è chi dice che i ragni larghi come ruote di bicicletta e le vespe lunghe come sacche di aspirapolvere hanno fatto il loro tempo; in realtà, qualsiasi tema fantascientifico diventa nuovo nelle mani di uno scrittore che sappia il fatto suo. Così in questo affascinante romanzo vediamo come un essere umano, nudo e disarmato più di Robinson, impari a poco a poco a cavarsela nella più feroce e spettacolosa giungla che sia mai stata descritta, e come le sue peripezie finiscano per costituire un perfetto “manuale per sopravvivere su un mondo abitato da insetti mostruosi”.

MURRAY LEINSTER È uno dei fondatori della sf classica americana. Nato in Virginia nel 1896 e scomparso nel 1975, ha esordito in campo fantascientifico con “Il grattacielo impazzito” (The Runaway Skyscraper), un racconto del 1919. Popolare in molti generi di narrativa, ha dato notevoli contributi alla science fiction con Bivi nel tempo (Sidewise in Time, romanzo breve del 1934), Il pianeta dimenticato (The Forgotten Planet, 1954, ricavato dalla fusione di alcuni racconti precedenti), Piattaforma spaziale (Space Platform, 1953), Un dottore fra le stelle (Doctor to the Stars, 1964), L’incubo sul fondo (Creatures of the Abyss, 1961) e altri ancora.

EBOOK DISPONIBILE

Posted in Urania Collezione

10 Responses

  1. Kronos H

    Interessante fantascienza d’annata. La traduzione è quella di Malaguti?

  2. marsun90

    SF della Golden Age la cui trama mi pare accattivante.

  3. Massimo Luciani

    @Kronos H stando a quel che si vede su un noto negozio on line dove l’ebook è già in prenotazione, è la traduzione di Bruna Del Bianco.

  4. anacho

    Finalmente, il più bel romanzo di una colonna di Urania dei vecchi tempi.

  5. Kronos H

    Mi rispondo da solo, dalla recensione di fantascienza.com, il traduttore è Malaguti.

  6. Stefano Rizzo

    Lo consigliate vivamente?

  7. Fabio

    Ciao,

    qualcuno sa se è già uscito?

  8. Massimo Luciani

    @Stefano Rizzo se ti piace la fantascienza molto avventurosa questo fa per te. Considera che è il risultato dell’unione di tre racconti e i primi due vennero pubblicati nel 1920 e 1921, nella prima era delle riviste pulp.

  9. Kronos H

    …fantascienza.com riporta il traduttore sbagliato!!! Se sapevo non compravo! Sarà una di quelle vetuste traduzioni stratagliate… :-(

  10. anacho

    Preso e riletto con immenso piacere.
    Trama assolutamente banale (anche se all’epoca non era così, probabilmente), personaggi ben poco delineati a parte il protagonista Burl, lieto fine scritto da pagina 1, accuratezza scientifica pari a zero… facciamo 0,1.
    Però il diabolico Leinster riesce a mantenere la tensione dall’inizio alla fine ed evoca il senso del meraviglioso come pochi altri sanno fare.
    L’articolo di Lippi sui romanzi di Leinster e sulle quarte di copertina è da incorniciare, veramente splendido.
    Adesso aspetto Gli incappucciati d’ombra di Edmond Hamilton e de Il millennio dell’antimateria di Jack Williamson.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free