Segretissimo Special 25: Stephen Gunn – Il Professionista Story, “L’inferno dei vivi”, “Battesimo del fuoco”

maggio 19th, 2019 by Redazione
Stephen Gunn - Il Professionista, "L'inferno dei vivi", "Battesimo del fuoco"

Stephen Gunn – Il Professionista Story, “L’inferno dei vivi”, “Battesimo del fuoco”, Segretissimo Special 25

Stephen Gunn

Il Professionista Story: “L’inferno dei vivi”, “Battesimo del fuoco”

Segretissimo Special 25

Giugno 2019

 

Un nuovo extra dedicato a Chance Renard, in Professionista, raggiunge le edicole a giugno 2019.
 
Abbiamo chiesto all’autore stesso, Stephen Gunn, di presentarci sinteticamente i due titoli raccolti in questo speciale, che presentano storie cronologicamente consecutive. Il primo romanzo – “L’inferno dei vivi” – è la ristampa di una storia importantissima del Prof, ambientata in Corea del Nord, la seconda è un inedito che ripesca nel passato del protagonista, in Libano, dove Chance Renard visse il suo “Battesimo del fuoco” e molti incontri importanti, fra cui quello con la sua prima nemesi…
 
Ma lasciamo la parola all’Autore!
 

Il Professionista Story 25 è fondamentale per chi segue la saga di Chance Renard. Nella ristampa de “L’inferno dei vivi” troviamo il Professionista in una situazione disperata. Prigioniero in Corea del Nord affronterà un’ordalia fisica e psicologica che lo cambierà per sempre. Il romanzo segnò una svolta nel carattere del personaggio. Leggendo capirete perché. Torna anche Shaibat, la sua storica nemica in una anticipazione di un’avventura che leggerete a fine anno. Nel “Battesimo del fuoco”, in convalescenza Chance incontra per la prima volta Bruno Genovese e la DSE. Un episodio inedito che allaccia dei fili rimasti in sospeso nella serie regolare. Tra i ricordi della sua prima missione in Libano e la scoperta del volto di Vulkan, misterioso avversario negli ultimi episodi, Chance approda a una nuova fase della sua vita avventurosa.

Stephen Gunn

 

Buona lettura! ^_^

 

EBOOK DISPONIBILE A GIUGNO

Posted in Ebook, Segretissimo, Segretissimo - ebook, Segretissimo Extra

17 Responses

  1. il professionista

    bellissima cover. sto preparando il succoso dietro le quinte che pubblicherò all’uscita del cartaceo.

  2. Redazione

    Grazie, @Stephen! :-)

  3. flavio

    inferno dei vivi e il mio preferito… inoltre devo sapere chi e vulkan…. corro a comprarlo grazie stefano !!!

  4. nostalgico

    Si passa dalla mia ambientazione preferita in assoluto (la Corea del Nord) a quella che detesto maggiormente (il Libano). Vedrò di consolarmi leggendo il primo incontro con Bruno Genovese e soprattutto nel cercare di scoprire CHI CAVOLO È Vulcan :) Domanda a Stefano: l’identità di Vulkan tu la sapevi fin dall’inizio oppure l’hai scoperta anche tu strada facendo come capitava a quel gran giallista che era Ed McBain?

  5. il professionista

    @Flavio il nuovo Prof story sarà in edicola e in ebook all’inizio di giugno. buona lettura.
    @nostalgico La miniserie dedicata a Vulkan( Vulkan, Spionaggio a Teheran e Battesimo del fuoco) è stata concepita dal principio per svilupparsi in tre differenti avventure inedite che si incastrassero con le ristampe. Sapevo già chi era Vulkan e che avrebbe riportato alla prima azione di Chance nella Legione in Libano. la storia però si svolge dopo L’Inferno dei vivi. Il Libano è un ricordo.

  6. andrea dc

    Più Prof. per tutti!
    Felicissimo quando posso leggere le storie di Stephen Gunn.

  7. il professionista

    Grazie Andrea, con lettori come voi, chi mi ferma? e per questa estate ho in programma avventure nuove e fantastiche

  8. Sergio

    Sono un affezionato lettore di tutti i libri del nostro Stefano, sopratutto delle avventure del Professionista. Non riesco a leggere subito tutti i libri per poco tempo e per gusti molto diversificati che mi portano a comprare tanti libri, per cui ho appena letto Spionaggio a Teheran (l’inedito precedente a quello qui presentato) e ci tengo a dire, da lettore di tutte le vicende di SAS, che per tanti aspetti l’avventura a Teheran mi ha rammentato il modo di scrivere del compianto Gérard de Villiers, a parte la diversità sempre marcata che Chance, quando si tratta di menare le mani o sparare, interviene sempre in prima persona! Per me questo è un complimento a Stefano!

  9. il professionista

    Caro Sergio, che piacere mi fanno le tue parole. GDV è stato il mio esempio(insieme a molti altri ma in modo predominante) negli anni della mia formazione. Proprio per questo molti anni fa quando scelsi di creare un personaggio per Segretissimo cercai di assimilare alcune delle sue dinamiche narrative ma con caratteristiche diverse. Dopotutto anche lui aveva fatto la stessa cosa quando gli chiesero di creare un agente che prendesse il testimone di 007, applicò una sua personale formula. E credo proprio che il segreto del suo successo e della sopravvivenza in edicola del Prof vengano da questo. E, certo, Spionaggio a Teheran contiene elementi di spy story classica che sono un omaggio al grande Gerard

  10. Giulio

    Si potrebbe avere un’indicazione precisa sulla data di uscita in edicola dei tre volumi di giugno? Giusto per avere un riferimento. Grazie.

  11. Redazione

    Ciao Giulio, la distribuzione cambia molto da città a città, Ti consigliamo di chiedere al tuo edicolante di fiducia.

  12. Nicola

    Trovato oggi a Padova

  13. il professionista

    ricevo anche io sui social molte segnalazioni anche in pvt della mancata distribuzione)ancora) del Prof. Molti però lo hanno trovato. Cnfido chein settimana ci sarà dappertutto, anche a Mlano perhcè sono ansioso anche io di aver il prodotto finito tra le mani. La distribuzione detta un po’ regole sue. non sono nessuno per dolermene… Forza, ragazzi stiamo tenendo il forte in un momento editoriale difficilissimo in cui burocrazia e meccanismi non ci aiutano. autori e Redazione, però ce la mettono tutta. Grazie a voi per la pazienza e la fedeltà. di cuore, da parte mia.

  14. flavio

    arrivato oggi a torino

  15. il professionista

    grazie Flavio, ho ricevuto anche la tua foto via Fb che ho pubblicato adesso. Grazie a te e a tutti quelli che testimoniano il loro sostegno. Purtroppo a Milano ancora non c’è, e anche Clarke. Ma abbiamo sempre fiducia. E…abbiamo in programma(Gunn, Io e la Redazione belle novità per Segretissimo…

  16. il professionista

    Anche a Milano oggi! a breve il dietro le quinte.

  17. il professionista

    Dietro le quinte del PROFSTORY 25
    Il Profstory non è esattamente una collana di ristampe, e il lettore se ne sarà accorto sin dalle prime pubblicazioni. Non solo agli episodi originali sono abbinati altri racconti più o meno lunghi inediti che colmano alcuni buchi della narrazione, ma, a volte sono inserite storie che hanno avuto una diversa pubblicazione e che, nel mio modo di vedere la mia produzione, avevano collegamenti con la serie principale. Lacrime di Drago, le storie delle Brigate, Uccidete Kanagawa sono solo esempi. È quindi una panoramica del mio modo di interpretare la spy story negli anni. Nel caso del presente volume ci sono due storie del Professionista di notevole importanza per comprendere il personaggio e la continuity della serie. L’inferno dei vivi (che deve il suo titolo a una lettura giovanile forse insospettabile ma che alcuni dei lettori “bonelliani” magari riconosce) fa seguito immediato alla conclusione di Dossier Yaponchik del numero scorso che suggellava la fine delle storie (per ora…) con i Lupi Mannari. Questo gruppo era nato come classica organizzazione di nazisti cattivi (che ci stanno sempre) e poi, proprio nelle ristampe si è allargato ampliandosi e raccontando tutta una serie di vicende che inizialmente non avevo pensato. Con l’avventura di Yaponchik è un filo narrativo che termina, anche se qualcuno si domanderà che fine ha fatto Gregor Ronke… L’inferno dei vivi comincia in media res e poi torna un po’ indietro. Siamo nel tempo e nel luogo dell’avventura precedente ma la storia prende un’altra direzione. Vi dico solo che torna Shaibat che è in assoluta una delle nemiche più amate del Professionista. Poi ci sono la Corea, il Giappone e Mimy Oshima in una twist narrativo che la segnerà per sempre. Soprattutto il Professionista appare un po’ duro e disperato del solito. Visto che il fulcro della vicenda è la droga del supersoldato, non c’è da stupirsene. Ma anche questo è il risultato di un percorso narrativo che, di fatto inaugura una nuova stagione della serie. Torniamo all’origine. Era il primo Professionista pubblicato durante la guida di Sergio Altieri alle collane Mondadori. Sergio aveva una idea sua del genere e si vede nei suoi romanzi dello Sniper e anche nel racconto Vulkan di due numeri fa. Chance e Kane sono amici ma con prospettive differenti. Non vi nascondo che con Sergio discutemmo piuttosto animatamente. Alla fine trovai il modo di combinare lamia visione con la sua, mantenendo quella che credo fermamente sia la mia linea narrativa. L’idea dello Yellow Dragon mi permise, per lo spazio di un episodio almeno, di venire incontro alle proposte narrative di Sergio. In seguito poi entrò nella mia creatività il filone “poliziottesco” di Gangland di cui poi vi parlerò. Alla fine Sergio ammise che ognuno doveva seguire la sua strada… Di fatto è un bell’episodio, penso. Disperato soprattutto nella volontà di Chance di conservare la sua umanità Un po’ come il protagonista dell’isola del dottor Moreau che urla: “Io sono un uomo”. Ma gli effetti dello Yellow Dragon nella serie regolare si assorbivano sin troppo in fretta e non se ne parlava più. Gli episodi inediti inseriti qui e nel prossimo volume sviluppano in modo più esaustivo questo punto. Battesimo del fuoco serve inoltre a svelare la vera identità di Vulkan che abbiamo visto in due precedenti episodi inediti e che sapevamo legato al passato di Chance ma non altrimenti elaborato. A questo punto sappiate una cosa. Sono cresciuto leggendo spy story della Guerra Fredda, ma per ragioni anagrafiche non ne ho mai scritte. In particolare ho sempre fatto riferimento alla guerra civile libanese negli anni ‘80 sulla quale ho ampia documentazione. Si fa riferimento alle prime avventure di Chance come legionario in Libano ma non le abbiamo mai viste. Questa vicenda mi offriva l’occasione di un flashback in cui spero si ritrovi tutto il fascino di quell’epoca. Che poi è anche quello della Spy Story più tradizionale fatta anche di tradecraft delle spie oltre che di sparatorie. E tutto ciò s’inserisce in una vicenda temporalmente seguente all’Inferno dei vivi e che mi permette di chiarire un altro punto. Chance, da principio è stato un indipendente, un anarchico nel senso migliore del termine, insofferente alle organizzazioni. Negli ultimi episodi lo abbiamo visto lavorare per il Sit-chen che era un organismo di sicurezza europeo non ulteriormente specificato. Entro poco tempo avrebbe cominciato a lavora per la DSE agli ordini di Genovese, senza troppe spiegazioni nella serie. Anche qui c’era spiegazione. La DSE veniva da i due romanzi con protagonista Bruno Genovese intitolati Ora Zero e Sole di fuoco. la DSE appare anche con il suo capo in Montecristo. Insomma siamo tutti una grande famiglia e come Antonia viene dalla serie Vlad, mi è piaciuto raccogliere tutti i personaggi in un’unica linea narrativa.
    Questi racconti (e quelli che seguiranno) permettono al lettore di comprendere molte cose. Una opportunità lasciatami dall’editore e di cui sono molto grato, sapendo di fare cosa gradita a colori che seguono la continuity e magari certe cose non le avevano comprese al volo. Un piacere per me raccontare e, mi auguro, per voi leggere.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free