Classici del Giallo Mondadori 1429: Anthony Berkeley, “Dov’è Cicely?”

gennaio 27th, 2020 by Redazione
Anthony Berkeley, "Dov'è Cicely?", Classici del Giallo Mondadori n. 1429, febbraio 2020

Anthony Berkeley, “Dov’è Cicely?”, Classici del Giallo Mondadori n. 1429, febbraio 2020

Anthony Berkeley

“Dov’è Cicely?”

Classici del Giallo Mondadori 1429

Febbraio 2020

 

Non si gioca con le sedute spiritiche.

Se ne convincono ben presto i partecipanti alla seduta medianica tenutasi, quasi per scherzo, a Wintringham Hall, antica magione del Sussex, proprietà di Lady Susan Carey.

Doveva essere solo un modo fantasioso per intrattenere gli invitati, e invece alla fine del “rituale”, una delle partecipanti… scompare. Si tratta di Cicely Vernon, giovane figlia di una cara amica caduta in disgrazia di Lady Susan, e sua beniamina. Ma credere che sia davvero svanita nel nulla… è troppo per Stephen Munro.

Dopo aver perso tutti i propri beni, Stephen, giovane gentiluomo inglese, si trasferisce nel Sussex insieme al suo ex valletto Ebener, per diventare a sua volta valletto al servizio dell’ultima erede della famiglia Carey.

Una sfilza di umiliazioni e situazioni imbarazzanti attendono Stephen nella sua nuova veste di subordinato e, insieme ad esse, un mistero apparentemente inspiegabile su cui fare luce: la sparizione della fanciulla che dà il titolo al romanzo – in originale Cicely Disappears (1927).

Un classico giallo della stanza chiusa. Dopo l’esperimento di magia, al posto della giovane è rimasta solo una sedia vuota e lei non può essere uscita dalla sala in alcun modo, a meno che…

 
Anthony Berkeley (1893-1971), pseudonimo del britannico Anthony Berkeley Cox, è tra i grandi autori dell’epoca d’oro del poliziesco. Dopo aver combattuto nella Prima guerra mondiale, ha collaborato come giornalista con importanti testate, attività che ha portato avanti per tutta la vita, insiema a quella di giallista.

Scrittore dal talento multiforme, dotato di uno stile raffinato e originale, ha lasciato una profonda traccia nella cultura del mystery, sia come creatore dell’investigatore Roger Sheringham, sia come fondatore del celebre Detection Club.

 

Fra i titoli dell’autore pubblicati sulla nostra collana: “Gioco mortale” (1930, The Second Shot), Classici del Giallo Mondadori n. 1144, “Il mistero di Elsie Vane” (1927, Roger Sheringham and the Vane Mistery), Classici del Giallo Mondadori n. 1114; “L’ultima tappa” (1933, Jumping Jenny), Classici del Giallo Mondadori n. 1322; “Il veleno è servito”, Giallo Mondadori n. 3099, “Morte al Parlamento”, Giallo Mondadori n. 3111.

 

All’interno, il racconto “Il respiro del diavolo” di Marzia Musneci, vincitore del premio Giallo Piccante 2019.

 

Buona lettura!

 

EBOOK DISPONIBILE A FEBBRAIO

Popularity: 18% [?]

Posted in Concorsi e Premi, Ebook, I Classici del Giallo

34 Responses

  1. Alberto Minazzi

    Ancora più interessante, dopo aver letto la sinossi! Controllerò con trepidazione ogni giorno in edicola e lo metterò subito in lettura!

  2. Raymond West

    Grazie Mondadori, queste sono le uscite che mi piacciono!

  3. marcor

    Anche per me questi sono i gialli che preferisco. Continuate con classici di questo genere:ne avete tanti in archivio che non vengono ristampati da molto. Grazie

  4. carlo

    Grazie , Redazione. Finalmente un autore di “peso” ed anche un romanzo inedito !!!.
    Queste sono le uscite che distinguono !.

  5. Florio

    Ottima inizio anno! Nel corso del 2020 sarebbe bello poter rileggere, magari con nuove traduzioni, Travis McGee, Parker (la prima serie), Shayne… Oppure titoli ormai introvabili di autori come Day Keene, Bill Pronzini J.J. Marric e Henry Kane che fanno parte del Vs catalogo: non il grande Ed McBain perchè ormai, come Chandler e Tidyman, è in ristampa presso un altro editore. Ma Robin Moore John Godey? Potremo mai leggerli nei Classici?

  6. Redazione

    Ciao @Florio, raccogliamo la tua segnalazione e i tuoi suggerimenti. Come sempre facciamo del nostro meglio per venire incontro alle richieste dei nostri lettori, anche se non sempre è possibile soddisfarle per le questioni legate ai diritti e altre problematiche di pubblicazione, ma puoi star certo che se un titolo è un classico del nostro catalogo il luogo giusto dove cercarlo è proprio in questa collana del giallo. Stay tuned!

  7. Alberto Minazzi

    Chiedo alla redazione: ho scritto un articolo sul giallo veneziano, partendo dalla mostra sui 90 anni del GM al Centro Candiani di Mestre. L’articolo a breve sarà pubblicato su Metropolitano.it, testata e portale di cui sono redattore: lo posso poi linkare qui?

  8. Alberto Minazzi

    Un’altra autrice che non viene ristampata da un po’ è Craig Rice, che potrebbe soddisfare sia gli amanti del giallo classico che gli amanti dell’hard boiled.

  9. Redazione

    Ciao @Alberto,
    quando esce l’articolo posta pure il link. Se dopo un breve controllo è in linea con i nostri contenuti, verrà approvato.

  10. Alberto Minazzi

    Se ho l’ok della redazione, questo è il link del mio articolo sulla mostra “Il Giallo fa 90” al Centro Candiani di Mestre, dedicata ai 90 anni del GM, e sul giallo veneziano: https:www.metropolitano.it/venezia-gialli-e-misteri/

  11. Piero

    Al di là del romanzo in sè, che è un Berkeley degli anni 20, con tutti i se e i ma, certamente non paragonabile a Il caso dei cioccolatini avvelenati, questa è una uscita eccezionale, perchè in USA e UK non visono ristampe recenti di q

  12. Giordano

    Mi fido del giudizio valido dei miei amici giallisti, e dell’affidabilità dell’autore. Lo prenderò

  13. giuseppe

    @ redazione. Grazie per le anticipazioni di marzo. Il romanzo di Berkeley lo acquisterò sicuramente, anche se è passato quasi un secolo dalla pubblicazione in Inghilterra ( mi risulta essere del 1927). Dell’autore ricordo di aver letto diversi anni fa “L’ultima tappa”, “Delitti di seta” e “Il sospetto”(firmato quest’ultimo con nome di Francis Iles, da cui Hitchcock trasse un celeberrimo film). Un grande autore fondatore del Detection Club che merita senz’altro di essere riscoperto. Mi auguro che si tratti della prima grande sorpresa del 2020 e che prima dell’estate ce ne siano altre. Grazie, redazione!

  14. Salvatore

    Nessuna novità riguardante Woolrich?

  15. Redazione

    Ciao @Salvatore, Woolrich è un autore classico che abbiamo sempre presente, ma non sono previste uscite a stretto giro. Avevi in mente qualche romanzo in particolare da segnalare? Stay tuned!

  16. Alberto Minazzi

    Arrivato Berkeley! Subito preso, assieme alla Hamrick, e da oggi in lettura.

  17. Salvatore

    @Redazione
    Buonasera, grazie molto per aver preso in considerazione la mia richiesta.
    A me mancano le segg. antologie che dovrebbero essere di pubblicazione datata:
    Apocalisse gialla;
    Musica dalle tenebre;
    Incubo me altre storie;
    Marijuana e altre storie;
    Ossessione;
    La settima moglie di Barbablù;
    L’ultimo striptease;
    Le due morti di Barney Slabaugh;

    Grazie, cordiali saluti
    Salvatore

  18. Matteo

    Anch’ io vorrei leggere autori da tempo spariti dalle vostre collane: Philip Mcdonald su tutti, Wainwright o Pentecost/Philips.

  19. Redazione

    Grazie @Matteo e @Salvatore,
    raccogliamo le vostre segnalazioni.
    Come sempre facciamo del nostro meglio per venire incontro alle richieste dei nostri lettori, anche se non sempre è possibile soddisfarle. Stay tuned!

  20. giuseppe

    Gentile redazione,nel numero di Sherlock Holmes attualmente in edicola leggo l’interessante anticipazione del numero degli Speciali, con tre autori di tutto rispetto. Ethel Lina White firma un racconto thriller e mi auguro di leggere presto un altro suo inedito (ad esempio “The third eye”), autrice tra l’altro amata da registi del calibro di Alfred Hitchcock; Henry Wade appartiene al periodo della Golden Age, tanto per intenderci e Marie Belloc Lowndes è famosa soprattutto per un altro romanzo “Il pensionante” nell’edizione italiana (Sellerio) da cui sempre Hitchcock trasse un film ancora muto. Quest’ultimo romanzo è presente nella mia collezione (I Libri Gialli n.8) nella traduzione di Giuseppina Taddei che ha retto bene il trascorrere del tempo. Non così i nomi dei protagonisti…italianizzati: sono presenti Battista, Giacomo, Giuseppe, Gino. Spero di poter leggere James, Joseph e altri nomi inglesi. A proposito, come rendere Battista e Gino? P.S. Spero anche di leggere quest’anno l’ultimo romanzo di Tessa Harris della saga del dottor Silkerstone e l’ultimo romanzo che Anne Perry ha dedicato a William Pitt (“Murder on Serpentine”). Ovviamente consiglio a tutti l’acquisto dello Speciale, che si avvarrà come sempre della brillante introduzione di Mauro Boncompagni.

  21. Dr.Banner

    Preso oggi!
    Cara redazione, ancora nessuna risposta circa la cronologica di Chase…

  22. giuseppe

    Gentile redazione, mi correggo. Il romanzo presente nella mia collezione è proprio “La dama di compagnia” nella traduzione della brava Giuseppina Taddei. I nomi dei protagonisti italianizzati si riferiscono al romanzo in questione e non a “Il pensionante”

  23. Redazione

    Ciao @Dr.Banner,
    come forse saprai, le collane del Giallo Mondadori non sono prin on demand. Come già detto, ti ringraziamo per la segnalazione dell’autore.
    Buona serata e stay tuned!

  24. Redazione

    Ciao @Giuseppe,
    siamo felici che le prossime uscite sia di tuo gusto! Grazie per le segnalazioni, come sempre le raccogliamo con piacere.
    Circa la questione dei nomi, ti lasciamo il piacere di scoprirlo in edicola! 😉

  25. Piero

    La grande chicca dello Speciale è Wade, passato sotto silenzio, uno dei grandissimi. Il guaio è che Mondadori non lo pubblica da moltissimo tempo, eppure di titoli ne sono stati pubblicati molti anni fa. Ed è un grandissimo, per giunta. Del periodo d’oro della GAD, uno dei soci fondatori del Detection Club

  26. Redazione

    Ciao @Piero,
    sul grande Wade diremo di più a fine mese.
    Rimani sintonizzato!

  27. Alberto Minazzi

    L’ultima sera di Wade, che dovrebbe essere il titolo inserito nella raccolta, è piuttosto introvabile: ottima scelta! Chiedo alla redazione solo se verrà utilizzata la traduzione dei Capolavori dei Gialli Mondadori (che solitamente è piuttosto tagliata) o se verrà pubblicata un’altra traduzione integrale. Grazie (anche per l’anticipazione sul Connington fatta in un’altra discussione).

  28. Ezio

    E Wade Miller?
    Basterebbe leggere quello che scriveva Alberto Tedeschi su questo autore.
    Magari un pensierino nel piano editoriale del 2025, per quelli che ci saranno.

  29. Redazione

    Ciao @Alberto,
    daremo maggiori informazioni con le anticipazioni di fine mese.

    Caro @Ezio,
    Wade Miller è un grandissimo autore, grazie per il prezioso feedback.

    Stay tuned!

  30. max

    Buongiorno,

    ma dopo il Tunnel, uscito nel 2018, non si potrebbe riproporre qualche Ross Macdonald tipo Non piangete per chi ha ucciso, Il ghigno d’avorio, Non fuggire sceriffo, Il mio nome è Archer…che sono decenni che non si possono leggere?

  31. Redazione

    Ciao @Max,
    grazie, raccogliamo i tuoi suggerimenti. Come sempre facciamo del nostro meglio per venire incontro alle richieste dei nostri lettori, anche se non sempre è possibile soddisfarle per le questioni legate ai diritti e altre problematiche di pubblicazione.
    Stay tuned!

  32. Piero

    I Capolavori del Giallo in gran parte erano delle riproposizioni de I Libri Gialli anteguerra, tagliati e proposti con un prezzo accattivante ma quasi sempre rinfrescati, cambiando le italianizzazioni fasciste dei nomi con quelli originali. Non voglio credere che Mondadori ripresenterà la versione del capolavoro, almeno la scelta cadesse sul Libro Giallo n.79

  33. Alberto Minazzi

    A proposito di MacDonald, anche Philip manca da un bel po’…

  34. giuseppe

    Gentile redazione, alle richieste dei desiderata di autori “classici”da qualche tempo assenti in collana, suggerisco due autori da me preferiti: Mignon G. Eberhart con la riproposta de “La romanza della morte” e “Tre galloni d’oro” (quest’ultimo con Sara Keate) e Patrick Quentin con due romanzi assenti da parecchi anni: “Lo specchio stregato” e “E tutto finirà” entrambi con Peter Duluth. Confido in traduzioni integrali o rinnovate. Grazie dell’ospitalità.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free