I Classici Del Giallo 1465: Carolyn Wells, “Delitto In Libreria”

gennaio 29th, 2023 by Redazione
Carolyn Wells, “Delitto In Libreria”, I Classici Del Giallo 1465, febbraio 2023

Carolyn Wells, “Delitto In Libreria”, I Classici Del Giallo n. 1465, febbraio 2023

Carolyn Wells, “Delitto In Libreria”, I Classici Del Giallo 1465, febbraio 2023

 

Scaffali di libri fino al soffitto, volumi impilati sui tavoli e sulle sedie: la libreria di John Sewell è un sogno a occhi aperti per ogni bibliofilo che si rispetti.

Come Philiph Balfour, ricco pensionato smisurata passione per il collezionismo di libri, uno dei suoi migliori clienti, sempre a caccia di libri rari per la sua collezione insieme al  fedele assistente Keith Ramsay.

Ma un giorno il giovane bibliotecario, curatore della biblioteca privata di Balfour,  accompagna il suo capo in una particolare sortita nella libreria di Sewell, entrando dal retro, di soppiatto, alla ricerca di alcuni tomi rari.

È a questo punto che il paradiso dei bibliofili si tramuta in un inferno. La luce va via e al suo ritorno… c’è scappato il morto. Qualcuno ha infilzato il cuore di Balfour con un antico spiedo d’argento.

Alla polizia, Keith Ramsay racconta del buio improvviso, di aver udito un tonfo e di mani dalla presa d’acciaio che lo avrebbero afferrato e ottenebrato col cloroformio.

Ma presto vengono alla luce certi suoi altarini, come il folle amore che il giovane bibliotecario prova per Alli, la bella moglie del suo defunto datore di lavoro. Un amore reso possibile proprio dalla prematura dipartita del signor Balfour, cosa che fa di Ramsay il principale sospettato.

A indagare sull’omicidio misterioso è il detective privato Fleming Stone. E ben presto all’enigma della morte dell’uomo se ne intersecano altri: come mai Balfour, uno dei migliori clienti di Sewell, è entrato di nascosto nella  libreria di quest’ultimo?

Tra lettere anonime e libri scomparsi, il detective Stone dovrà correre dietro al bandolo della matassa prima che l’ultima pagina della storia si tinga di sangue.

 

Traduzione di Marilena Caselli.

 

Carolyn Wells (1862-1942), statunitense, ha lavorato come bibliotecaria e contribuito a diverse riviste con pezzi umoristici e nonsense. Autrice molto prolifica, oltre a libri per ragazzi e poesie ha scritto decine di romanzi gialli d’impianto tradizionale. Tra i protagonisti ricorrenti dei suoi mystery, l’investigatore dilettante Fleming Stone.

 

All’interno, il racconto “Investigare il demonio” di Andrea Santucci, vincitore del premio NebbiaGialla 2022. Ecco cosa ci racconta l’autore:

Il mistero della camera chiusa è quel gioco letterario con cui penso che ogni scrittore di gialli voglia prima o poi cimentarsi. Questo vale anche per me, nel mio piccolo, anche se con nessuna delle idee che mi venivano era mai scattata la scintilla. Un giorno mi trovavo a casa di un mio amico e mentre ero in giardino, che confina con un bosco, mi è capitato di incontrare una volpe, in una scena molto simile a quella che apre il racconto. È stato in quel momento che, finalmente, qualcosa si è innescato e, durante il viaggio di ritorno, ho cominciato ad architettare la storia. Il protagonista di “Investigare il demonio”, il capitano della gendarmeria pontificia Giordano Bruno Venettacci, e lo Stato Pontificio del 1855 che fa da sfondo alle sue avventure sono già apparsi in altri due miei romanzi. Questa è la loro prima volta in forma di racconto breve.

 

E inoltre, appuntamento con l’Angolo del direttore, di Maurizio Costanzo.



EBOOK DISPONIBILE A FEBBRAIO

Popularity: 35% [?]

Posted in Ebook, I Classici del Giallo

21 Responses

  1. Jack

    Non mi lascerò certo sfuggire questo romanzo della prolifica Carolyn Wells.
    Parola di ex bibliotecario!

  2. Antonio Fiore

    Per chi ha già acquistato il volume, cos’è riportato a fine volume in merito alle uscite di marzo (classici, serie regolare e speciale)? Io, al solito, potrò acquistare il volume di Carolyn Wells solo dopo metà mese, visto che mi devo recare di proposito in città poiché l’edicola del mio paese è sempre sprovvista dei classici del giallo mondadori.

  3. Fabio Lotti

    A marzo c’è “L’Automa” di Carr, “Il colpevole è innocente” che comprende pezzi di Gardner, Rees e Freeman, e “Nero Wolfe un porto sicuro” di Golsdsborough

  4. Walter

    Nei classici:l’automa di carr, nel mensile:nero wolfe un porto sicuro di golsborough

  5. ANTONIO FIORE

    Vi ringrazio!

  6. Fabrizio

    Bene Goldsborough ,un inedito ? Titolo originale ?

  7. Claudio

    Buongiorno . Farò una domanda insolita . Mi piacerebbe leggere dei libri di Wallace ?e non gialli della Mondadori. Mi piacerebbe avere e leggere dei libri gialli . Visto che i discendenti hanno il copyright

  8. francesco

    @ Redazione Comprato il Wells; trovato annuncio prossimo Speciale che prenderò sicuramente (ottime le scelte inserite) mentre L’automa di Carr l’ho già e Nero Wolfe lo preferisco in originale
    (recentemente ho cominciato a rileggerne tutta la saga in 11 Omnibus) : integrale o no pazienza, del resto quello che conta è il traduttore, se non puoi leggere direttamente in lingua, e Tedeschi era un fior di Traduttore (la maiuscola è voluta e d’obbligo). Parlando di ristampe vorrei ricordarVi Robert Crais di cui diversi titoli sono stati pubblicati in volumi da libreria e poi ristampati sugli Oscar mentre sul Giallo non lo si vede più dal 2005 (N.2879) : avete in previsione qualcosa prima delle Calende greche? Grazie e salutissimi.

  9. francesco

    @ Redazione . Scusate nella fretta di parlarVi di Crais ho dimenticato di chiedere se di Stout pensate di ristampare i gialli senza Nero Wolfe perchè, mentre tutto Wolfe è stato pubblicato negli Omnibus (quegli 11 volumi di cui scrivevo)
    i gialli senza Wolfe non lo sono stati e sono di difficile reperibilità: Grazie ancora e bi-saluti.

  10. Ivan

    @Fabrizio

    Si dovrebbe trattare di “Trouble at the Brownstone” del 2021

  11. Fabrizio

    Grazie ,ce ne sono ancora sei precedenti non tradotti

  12. Jack

    Come promesso, ieri ho acquistato il romanzo di Carolyn Wells.
    Ho notato, però, che nel caso di inediti,
    (come questo “Delitto in libreria”)non viene indicata nel retrofrontespizio
    la data della pubblicazione dell’opera (in questo caso la data à il 1936),
    ma soltanto la data della pubblicazione italiana (ovviamente 2023 trattandosi di un inedito)seguita dal nome dell’editore (Mondadori)
    Per il futuro non si potrebbe inserire anche la data di quando il romanzo è stato dato alle stampe la prima volta?
    Grazie

  13. Redazione

    Ciao @Fabrizio,
    Robert Crais e Rex Stout sono autori sempre presenti nei nostri radar, per entrambi stiamo trattando importanti acquisizioni che speriamo di poter annunciare presto.

    @Jack,
    ti ringraziamo per la segnalazione. Solitamente indichiamo sempre la data di uscita, che in questo caso è il 1° gennaio 1936.

  14. Matteo

    “Sono (o è) autore/i sempre presenti nei nostri radar e stiamo trattando importanti acquisizioni ” . Cambiano i nomi degli autori, ma la risposta è uguale nei minimi particolari. Ho la vaga impressione che si tratti di risposte preconfezionate

  15. Joe Kurtz

    “L’automa” è un classico imperdibile, ma è stato pubblicato l’ultima volta nello speciale di dicembre 2011. Non è un po’ presto per riproporlo, quando alcuni capolavori di Carr mancano da tempo immemorabile?

  16. Redazione

    Ciao @Matteo,
    quando è possibile dare informazioni e anticipazioni in modo preciso lo facciamo sempre volentieri. Altre volte non è possibile, ma siamo sempre al lavoro per ottenere i diritti sulle storie dei vostri autori più amati.
    Buona giornata!

  17. Gneo

    Terminato ora: ottimo romanzo, come ottima la pubblicazione del Goldsborough del prossimo mese.

  18. Stefano

    Parte anche bene, da metà in poi è imbarazzante, sembra un libro per ragazzi

  19. Alberto Minazzi

    Parte bene? Io sto facendo molta fatica a portarlo avanti già all’inizio. Troppe cose inverosimili e prosa non propriamente esaltante. Comunque arriverò alla fine…

  20. Alberto Minazzi

    Finito. Veramente brutto. Per fortuna è buono il racconto in calce

  21. Rusty

    A me è sembrato alquanto ingenuo, sia nella descrizione delle indagini di polizia, sia nel rapporto fra Stone e i poliziotti, sia nell’inverosimile finale nella villa. Tutto sommato non se ne sentiva la mancanza.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free