Giallo Mondadori 3199: Paul Harding, “la pietra di sangue”

dicembre 22nd, 2020 by Redazione
Paul Harding, “la pietra di sangue”, Il Giallo Mondadori n. 3199, gennaio 2021

Paul Harding, “la pietra di sangue”,
Il Giallo Mondadori n. 3199,
gennaio 2021

Paul Harding, “La pietra di sangue”, Il Giallo Mondadori n. 3199, gennaio 2021

Dicembre dell’Anno del Signore 1380.

Il corpo senza vita di Sir Robert Kilverby viene rinvenuto in una camera sprangata dall’interno. Il ricco mercante era entrato in possesso di una mistica pietra dal valore inestimabile, l’eliotropio, nota anche come Passio Christi a motivo delle macchie rosse che si riteneva fossero originate dal sangue di Gesù crocifisso.

Secondo la leggenda l’eliotropio, raccolto alla base del Golgota da Giuseppe d’Arimatea, sarebbe passato di mano in mano fino ad arrivare in Inghilterra come bottino di una razzia… portando con sé un terribile anatema destinato ad abbattersi su chiunque si fosse dimostrato indegno del suo possesso.

La maledizione pare concretizzarsi quando alla morte di Sir Kilverby si aggiunge quella di Gilbert Hanep, mastro arciere della Compagnia del Dragone Alato, ritrovato morto, decapitato a colpi di spada.

A cercare di far luce sul mistero è Frate Athelstan, parroco di St. Erconwald a Southwark, un uomo scevro di ogni superstizione, dall’innato senso della giustizia e dotato di una logica ferrea.

 

Paul Harding, pseudonimo dello scrittore Paul Doherty, è nato a Middlesborough nel 1946. Ha studiato alla Woodcote Hall e si è specializzato in storia nelle università di Liverpool e Oxford. Vive in Inghilterra ed è un maestro del giallo d’ambientazione storica. Tra i secoli XIV e il XV si svolgono le vicende del frate domenicano Athelstan, del coroner Sir John Cranston e del medico ed erborista di Canterbury Kathryn Swinbrooke.

 

E all’interno, in occasione dei 40 anni del nostro premio letterario (19402020), il primo articolo della nuova rubrica “La storia del Premio Tedeschi”, con un approfondimento dedicato a “I vincitori 19801982″, a cura di Vincenzo Vizzini.

 

Buona lettura!

 

EBOOK DISPONIBILE

Popularity: 32% [?]

Posted in Ebook, Giallo (serie regolare)

23 Responses

  1. sonia

    Un bell’inizio del 2021 con questo libro che riprende la pubblicazione di un autore molto amato. Spero che non sia un caso isolato ma che continui la pubblicazione dei titoli successivi a questo

  2. Redazione

    Ciao @Sonia,
    grazie per l’apprezzamento, riguardo a Paul Harding, è un autore sempre nei nostri radar, e per cui stiamo trattando importanti acquisizioni che speriamo di poter annunciare presto.
    Buona giornata e buone feste!

  3. Gneo

    Finalmente un grande autore che speriamo non sia un caso isolato.
    Dopo anni di Bowen, Jennings, Harris, Perry ecc. qualche buona novità ci voleva.

  4. Alessandro B.

    Avevo perso ormai la speranza di rivedere Doherthy, invece la serie di Fratello Athelstan (quella che preferisco tra le tante di questo prolifico autore) ricomincia proprio da dove si era interrotta. Un grosso applauso alla Mondadori!

  5. adriana monticelli

    erano anni che aspettavo una nuova avventura di Fratello Athelstan !!
    Grazie !
    Spero riusciate a pubblicare le altre ancora inedite !

  6. Piero

    Finalmente un Doherty: erano anni che non se ne vedevano! Prima erano molto presenti, ed uscivano ai tempi di Dazieri prima e Altieri dopo, anche due-tre titoli all’anno; poi si sono assottigliati sempre più fino a scomparire. E se una certa spiegazione di questa scomparsa poteva essere trovata nel fatto che la serie di Grace era esaurita, non altrettando poteva dirsi di altre serie ben vive e vegete, come quelle di Athelstan, e Corbett, mentre quella di Shallot comprendente 6 titoli e inizialmente portata avanti da altra casa editrice italiana, è rimasta a metà strada. Quindi che esca nuovamente un titolo nuovo (l’ultimo era stato uno della serie Corbett nel 2011) desta sempre un po’ di clamore, a maggior ragione visato che trattasi della sua serie più conosciuta e apprezzata, quella di Fratello Athelstan

  7. Alessandro B.

    Di Doherty ho letto tutto quello che è stato pubblicato in italiano (compreso il giallo-rosa ‘Un nodo sul cuore’ in cui si cela dietro lo pseudonimo di Vanessa Alexander), più vari libri in inglese. Effettivamente la serie con Roger Shallot è molto bella (gli ultimi tre libri che non sono disponibili in italiano li ho anche tradotti), ma ho una leggera preferenza per quella con Athelstan,in cui c’è sempre una camera chiusa. Speriamo che Mondadori riprenda anche la serie con Corbett.

  8. ophiucus75

    Scusate il disturbo e buon 2021 a tutti, chiederei alla Redazione se non fosse possibile avere qualche anticipazione, come per la sorella “Urania”, delle pubblicazioni gialle di quest’anno, grazie!

  9. Threep3000

    Concordo con ophiucus75, sarebbe carino avere un elenco come avvenuto per Urania.

  10. Redazione

    @ophicus75, @Threep3000,
    il calendario è ancora in via di programmazione.
    Buona giornata!

  11. ophiucus75

    Grazie, buona giornata e programmazione a voi!

  12. ffoti

    Una curiosità, c’è speranza di rivedere Donald Westlake nei Classici del giallo?

  13. Redazione

    Ciao @ffoti,
    Donald E. Westlake è un autore a cui teniamo molto, e per cui stiamo trattando importanti acquisizioni che speriamo di poter annunciare presto.
    Buona giornata!

  14. Alberto Minazzi

    Preso! E molto interessanti anche le uscite di febbraio: il nuovo di Luceri e una camera chiusa di Walling. Prenderò entrambi, di sicuro!

  15. ophiucus75

    I Luceri li sto leggendo tutti di fila adesso, sono arrivato al 4°, e non mi perderò quello di febbraio! Ottimo inizio anno, a gennaio farò tripletta, a febbraio doppietta è assicurata!

  16. Matteo

    Di Carr non è uscito niente l’ anno scorso mi pare: speriamo che la casa editrice non abbia perso i diritti!

  17. Redazione

    Ciao @Matteo,
    John Dickson Carr è sempre nei nostri radar.

  18. Raymond West

    Che sorpresa! Speriamo che romanzi gialli di questo tenore possano apparire più spesso in collana. Approfitto per lasciare qui il link del post in cui ho consigliato “La Pietra di Sangue”: https://threeapenny.blogspot.com/2021/01/aggiornamenti-approvvigionatore-gennaio-2021.html

  19. Jack

    Mi unisco anch’io al coro elogiativo degli altri appassionati per la riscoperta di Doherty e vorrei esprimere anch’io un desiderio: in futuro sarà possibile leggere un romanzo ambientato nell’antica Roma (lo stesso Doherty ne ha qualcuno al suo attivo) o nell’antica Grecia? Grazie e buona giornata

  20. Redazione

    Ciao @Jack,
    prendiamo nota del suggerimento, buona giornata!

  21. ffoti

    Di gialli ambientati nell’antica Roma trovavo gradevoli quelli di Lindsey Davis, con Marco Didio Falco per protagonista. Erano pubblicati dalla Tropea editore tanti anni fa. C’è speranza di vederlo in Giallo?

  22. ophiucus75

    Uhm… ma non ci sono già sufficienti serie aperte dedicate al giallo storico, senza aggiungerne altre d’ambientazione classica? Non ho nulla in contrario, ma mi sembra che negli anni ci sia stata una forte concentrazione di titoli verso questo sottogenere di giallo, invece magari di pescare ad autori più contemporanei ma di differenti paesi come si faceva una volta o a gialli ad enigma della Golden Age. Magari fare una serie parallela come per Sherlock destinata ai delitti nel passato…

  23. chiara171

    Appena finito. Non avevo mai letto niente della serie di Fratello Athelstan e mi è piaciuto molto. Grazie!

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free