Il Giallo Mondadori Oro 32: Il senso delle parole rotte

giugno 25th, 2020 by Redazione
Massimiliano Giri, "Il senso delle parole rotte", Il Giallo Mondadori Oro n. 32, luglio 2020

Massimiliano Giri, “Il senso delle parole rotte”, Il Giallo Mondadori Oro n. 32, luglio 2020

Massimiliano Giri

“Il senso delle parole rotte”

Il Giallo Mondadori Oro 32

Luglio 2020

 

Il vincitore del premio Tedeschi 2020 arriva nelle edicole a luglio per catapultarci in una Rimini oscura e grottesca, ben lontana dal calore delle spiagge e dai sorrisi della riviera romagnola che tutti conoscono.

Qualcuno ha fatto irruzione nella villa degli Altieri, rapendo la figlia del sindaco.

A complicare le cose, un uomo con indosso una testa di maiale si infiltra in casa del commissario Matthias Macrelli, intimandogli di riaprire il caso di Nadine Greco, una giovane suicidatasi pochi mesi prima.
L’uomo afferma di essere il sequestratore e minaccia di uccidere Guendalina Altieri allo scadere di cinque giorni esatti.

Il destino delle due vittime sembra essere legato da un filo sottile. Soltanto facendo luce sul presunto suicidio di Nadine Greco, Macrelli potrà salvare la vita della figlia dell’uomo più potente della città.

Ex pugile segnato a vita da un orribile incidente, il Commissario Macrelli ha sviluppato delle vere e proprie ossessioni per far fronte al peso di un tormentato passato. E forse sono proprio queste ossessioni stesse a farne un ottimo osservatore.

Anche per questo, quando si trova di fronte alla lettera di addio di Nadine Greco, Macrelli non riesce a restare impassibile. Lui sa in prima persona quanto possa essere crudele il mondo e quanto sia difficile portare una maschera per sopravvivere. Ma la lettera sarà davvero stata scritta dalla vittima?

Solo una grafologa dal raro talento sarà in grado di aiutarlo a decifrare il doppio intrigo, in una gara senza time-out contro il tempo.

 

E ora lasciamo la parola all’autore:

 

Durante la realizzazione de “Il senso delle parole rotte” i miei obiettivi sono stati costantemente due: scrivere un thriller senza usare l’ormai abusato serial killer e produrre una storia capace di tenere il lettore ancorato alle pagine con l’uso di cliffanger e twister.

L’idea era quella di immergere il lettore in una doppia indagine, dove un commissario geniale, che soffre di manie ossessivo compulsive, e la sua collega, una punkabbestia grafologa forense, uniscono le loro capacità e debolezze per arrivare alla soluzione finale dell’enigma: chi ha rapito la figlia del sindaco di Rimini?

Il romanzo, nel corso di due anni di gestazione, ha cambiato forma diverse volte, prima di raggiungere la veste definitiva, perché la trama, particolarmente intrecciata, ha richiesto un lungo lavoro di progettazione. Fra le pagine del romanzo ci sono anche particolari nascosti che riguardano la mia vita privata, ma che possono notare solo pochissime persone.

Massimiliano Giri

 

Buona lettura e buona estate!

 

EBOOK DISPONIBILE A LUGLIO

Popularity: 20% [?]

Posted in Concorsi e Premi, Ebook, Giallo oro

3 Responses

  1. Andrea Franco

    Bene, non vedo l’ora di prendere d’assalto le edicole di zona! Complimenti!

  2. Mirtilla

    Dalla trama sembra molto interessante!

  3. Fabio tabarini

    Affascinante rappresentazione! Luoghi conosciuti da sempre riscoperti seguendo l’ottima ricostruzione degli indizi. Bel thriller

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free