Il Giallo Mondadori Sherlock 28: Sherlock Holmes in Italia

novembre 16th, 2016 by Moderatore

cover_2

C’è un detective a Londra, uno che risolve i casi con la sola arma della logica. Fuma la pipa, suona il violino, e di tanto in tanto ricorre a qualche soluzione chimica per alleviare la noia. Ha un compagno d’avventure, un dottore, che annota per i posteri i suoi trionfi investigativi, insieme ai fallimenti della polizia. Benvenuti nel mondo di Sherlock Holmes. Dove, a partire da questi elementi essenziali, le variazioni possibili sono infinite. Che cos’hanno in comune un licantropo che si aggira nella brughiera scozzese, una corsa automobilistica da Londra a Brighton, l’assassinio di un principe straniero e uno strano reperto proveniente da Krakatoa? Di per sé, niente. Tranne il fatto che al 221B di Baker Street, nella metropoli magica e nebbiosa, c’è appunto un detective capace di svelare tutti questi enigmi. L’unico mistero che non sarà mai svelato – e lo testimonia una volta di più questa sorprendente raccolta di imprese sherlockiane made in Italy – è quello, insondabile, della sua mente eccezionale.

EBOOK DISPONIBILE

Popularity: 24% [?]

Posted in Le collane del Giallo, Sherlock

6 Responses

  1. Piero

    Non è la ripubblicazione integrale ma solo parziale, dell’antologia Delos pubblicata anni fa.
    Si sarebbe dovuto specificarlo.
    Io però non lo vedo riportato.

  2. Desby

    Davvero notevole! Non ero al corrente vi fossero così tanti bravi autori italiani in grado di scrivere di Holmes ricalcando lo stile di Doyle. Ottima iniziativa. Mi sono piaciuti perticolarmente i racconti di Vesnaver, Solito, Nava e Trinchero. Bello anche l’articolo finale.
    Avete già in mente di fare altre antologie così?

  3. Piero

    Se ti è piaciuta, avresti dovuto leggere l’antologia da cui è tratta, allora! Ce n’erano sedici di autori e quindi di racconti e non nove

  4. Federico

    insomma…io per assurdo reputo l’episodio di Sherwood quello più debole.. sconfinante quasi nel fantasy e non mi è piaciuto affatto!

  5. Claudio Bovino

    Personalmente mi sta piacendo, sto leggendo pian piano i racconti (poco tempo per leggere ahimè, causa lavoro) ma la sto apprezzando molto. I motivi per quali non è la fotocopia identica (per quanto riguarda la struttura) dell’antologia della Delos, li spiega Luigi Pachì sul suo blog [https://luigipachi.wordpress.com/2016/12/08/per-mondadori-sherlock-holmes-in-italia/] e mi sembrano chiare e condivisibili. Speriamo, piuttosto, che a questa segua un’altra antologia di apocrifi italiani in cui possano prendere posto gli altri racconti e se ne aggiungano altri ancora :)

  6. Cristian Fabbi

    Grazie Debby del “bravi autori”. Credo che ognuno in questa antologia abbia fatto del proprio meglio e come per tutta la galassia degli apocrifi si colgono le diverse interpretazioni di Sherlock Holmes. Di fatto è lo stesso per le serie TV (vedi Elementary) o altro. Holmes è uno stimolo di partenza, poi ci sono autori che spaziano e autori che si attengono al Canone (è il mio caso, o così vorrei).
    Buona lettura

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free