S. Gunn – Il Professionista: Dossier Phoenix

luglio 27th, 2018 by Alessio Lazzati

Stephen Gunn – Il Professionista: dossier Phoenix – N° 1642 – agosto 2018

COP_segret_1642_cm_coverUna linea di sangue unisce la Corea del Nord e un gruppo di industrie europee che forniscono tecnologia militare vietata dall’embargo. Il Professionista e la sua squadra si trovano alle Meteore, in Grecia, per controllare il recupero di un’agente infiltrata. La ragazza, amante di un generale coreano, è una violoncellista in tournée. Sebastian Miller, asso della DSE, dirige in via ufficiale l’operazione. Poi qualcosa va per il verso sbagliato. Accusato ingiustamente, Miller si suicida. Ma è davvero così? Seguendo una labile traccia, Chance svolge un’indagine parallela che dai doppi giochi di Vienna lo porterà in Polonia e infine in una base della quale nessun governo vorrebbe ammettere l’esistenza. È lì che si decide il destino del mondo. Spionaggio e guerra su tutti i fronti in una missione di scottante attualità.

Posted in Segretissimo, Segretissimo - ebook, Segretissimo Foreign Legion

25 Responses

  1. calca10

    ..spettacolo!!!non vedo l’ora ci sia in ebook..ho anche controllato prima su Kobo ma non c’era ancora!!!2 mesi di fila con il Prof, che estate!!!
    grande Stefano!

  2. mario

    Un’altra stupenda avventura da leggere…( ed un’altra bellissima copertina da ammirare )

  3. il professionista

    pronti sul campo…a breve il dietro lequinte

  4. nostalgico

    Prenotato in ebook.

  5. ernesto

    speriamo che almeno questo il mio edicolante non se lo perda costringendomi poi a diventare matto per trovare gli arretrati su internet, proprio oggi mi è arrivato Legione Straniera, non vedo l’ ora di leggerlo

  6. il professionista

    buone notizie, Ernesto, almeno spero. a Castiglione delle Stiviere e a Padova mi dicono che è già uscito. a me sono arrivate le copie autore, quindi fisicamente c’è…spero che la distribuzione faccia il suo lavoro con puntualità e precisione. Intanto bella cover

  7. il professionista

    Finalmente in edicola anche a Milano (e presumo nel testo d’Italia) Dossier Phoenix. LA FORZA DELLA SCRITTURA
    Ho scritto la prima versione di Dossier Phoenix un anno fa, in un periodo in cui avevo qualche preoccupazione. Perché, in caso non ve ne foste accorti, il nostro mondo purtroppo non è quello del Professionista e noi, persone normali, narratori che giocano all’avventura siamo esposti come tutti al Vita viera che, ahimè, non è quella dei nostri eroi.. Siamo esseri umani. Tutto a posto comunque. Però, in quei giorni in cui un pochino d’ansia ce l’avevo, decisi di fare la cosa che mi riusciva meglio. Buttarmi nella scrittura di un nuovo romanzo. Per la verità ne uscirono due, l’altro, Black Sand, lo leggerete più avanti ma sono stati scritti uno in fila all’altro. Hanno assorbito i miei giorni e mi hanno infuso coraggio, energia, assorbendo la mia mente e cancellando i pensieri negativi. Certo, poi c’era tutta la parte tecnica e creativa da mettere a posto. Ma anche quello fa parte del divertimento. Mi sono davvero immerso in questa vicenda e poi è successa una cosa bellissima. La scrittura stessa mi ha fortificato, mi ha aiutato e riempito di energia e voglia di condividere con i lettori le mie emozioni. Lo so che lo dico ogni volta, ma alla fine uno sente che l’ultimo romanzo che ha scritto è sempre il migliore. Di certo Dossier Phoenix, che è una vicenda autoconclusiva ma che ha un filo con la successiva, mi ha totalmente preso. Volevo scrivere una storia attuale e, al momento (anche adesso…) il problema della Corea del Nord era su tutte le pagine. Però, sapendo che ad alcuni dei miei lettori l’Oriente piace ad altri meno, ho concepito una spy story che, almeno nella fase iniziale seguisse tracciati tradizionali. Si comincia, come molte volte, in media re, come insegnava il buon Edward S. Aarons creatore di Sam Durell. Lo scenario lo vidi molti anni fa ma fu anche utilizzato in un epico episodio di James Bond (Solo per i tuoi occhi) e persino nel primo numero di Martin Mystere… insomma le Meteore, la Grecia, era uno scenario nuovo, interessante e spettacolare. Poi si continua a Vienna con una classica caccia alla talpa. Lo so: il personaggio di Minou vi solletica. È Scarlett Johansson in Ghost in the Shell che vidi proprio in quei giorni. Poi ci sono un sacco di altri riferimenti, Vienna che conosco piuttosto bene e, giusto per inserire qualcosa di nuovo anche la Polonia che è un territorio raramente praticato dal Prof. Poi naturalmente c’era la Corea, la Russia al confine. Mi è piaciuto raccontare questa storia che mescola il classico Tradecraft della spy story con la battaglia, il combat che, stando anche alle letture e ai film che vedo è diventato ormai un elemento portante e apprezzato dal pubblico. E da me. Quello che volevo sottolineare è che alla fine la narrazione è una cosa che si ha dentro, e che ti viene in aiuto quando ne hai bisogno. Sì, anche per noi autori di romanzi popolari e d’evasione. Il mestiere più bello che c’è. Buone vacanze e buone letture!

  8. Fabio

    È il primo romanzo dell’autore che leggo. Stile piacevole e scorrevole, descrittivo al punto giusto e non si perde nelle scene d’azione. Anche se si tratta dell’ultimo capitolo di una saga che prosegue da ventitre anni non ho avuto difficoltà a leggere, anche grazie alle opportune presentazioni di ogni personaggio.
    Sicuramente acquisterò anche gli altri.

  9. nostalgico

    Comincio l’ebook in questo preciso momento.

  10. il professionista

    benvenuto Fabio trai lettori e gli amici. in effetti ogni episodio è autoconclusivo anche se esiste una continuity. buona lettura

  11. il professionista

    Nostalgico: e adesso siamo amici anche su fb!

  12. il professionista

    così, giusto perché si sappia. anche Dossier Phoenix resta saldamente primo in classifica negli ebook più venduti da amazon e con ottime recensioni. Grazie a voi lettori

  13. andrea DC

    A breve anche io lo leggerò, il Prof. è sempre sinonimo di avventura!

  14. il professionista

    buona lettura

  15. nostalgico

    Te lo meriti, Prof: questo libro è veramente valido (e x dirlo io che mi dicono tutti essere superesigente…).
    Era tempo che fossimo amici anche su FB 😉

  16. il professionista

    e detto da te che sei un cultore di Segretissimo è un complimento doppio. grazie

  17. Fabio

    Ho terminato oggi la lettura e rimarco le mie impressioni iniziali. Non vedo l’ora di avere tra le mani Black Sand, che a quanto ho capito è il prossimo della serie.

  18. il professionista

    grazie Fabio, sì Black Sand è il prossimo della collana degli inediti

  19. nostalgico

    La missione: esfiltrare Yeung Park Sun, agente coreana della Sezione 8 in possesso di preziose informazioni su un intrigo che affonda le sue radici nella Corea del Nord. Purtroppo qualcosa va storto, l’operazione finisce a gambe all’aria e Chance Renard (il Professionista) con la sua squadra si ritrovano con un cadavere inaspettato tra le mani e un’unica certezza: tra di loro c’è una talpa.
    È questo l’inquietante inizio di DOSSIER PHOENIX, ultima fatica di Stephen Gunn (l’italianissimo Stefano Di Marino), dalla cui penna è uscita la figura del Professionista oltre 20 anni fa, ex membro della Legione Straniera ed ora mercenario freelance della DSE. Al suo fianco un team di agenti ben caratterizzati (su tutti spicca l’agente Miller) e anche una vecchia conoscenza x chi segue non solo questa serie, ma che in passato ha letto quella di Vlad scritta da Xavier le Normand (altro nom de plume di Di Marino): Antonia Lake, la mangiauomini “con labbra e seni pneumatici” che ha sotto 2 attributi così.
    La narrazione scorre veloce, senza tempi morti, fatta da frasi e capitoli non eccessivamente lunghi; i personaggi rimangono subito in mente e le scene d’azione sono ben descritte, specialmente quelle dei combattimenti corpo a corpo (evidentemente l’autore, che ha una gran competenza in materia, ha tenuto ben presente che l’arma + pericolosa ed efficace rimane sempre e comunque il corpo umano). È sicuramente l’avventura ideale x poter iniziare a conoscere la figura del Prof pur non avendo mai letto le precedenti. E poi come si può abbandonare un libro che ti trascina nell’azione + scatenata fin dal suo incipit fulminante: “Il fuoco raggiunse il serbatoio della benzina. L’auto esplose con un fracasso che annullò ogni senso x una decina di secondi”?
    Consigliatissimo.

  20. il professionista

    grazie… per è una grandissima soddisfazione che questo episodio vi sia piaciuto

  21. Fabio

    Concordo con Nostalgico. Probabilmente le migliori scene d’azione che io abbia mai trovato in un romanzo.
    Una domanda: i romanzi che vengono pubblicati nella collana ‘special’ e sono sottotitolati ‘il professionista story’ sono le ristampe?

  22. il professionista

    Fabio. Sono le ristampe accompagnate, come si legge in copertina , da romanzi inediti. un po’ più brevi per ragioni di paginazione ma credo abbastanza divertenti. sono ambientati all’epoca del romanzo ristampato e raccontano avventure mai pubblicate.

  23. Fabio

    Perfetto, grazie per la delucidazione.

  24. nostalgico

    Una curiosità: x quale ragione in queste raccolte viene sempre omessa la lista dei personaggi? È una scelta editoriale che non ho mai capito.

  25. il professionista

    Questo non lo so. devi chiederlo alla Redazione. penso sia una questione di paginazione

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free