Il Giallo Mondadori Sherlock 46: Sherlock Holmes; Il messaggero di Hitler

giugno 3rd, 2018 by Moderatore

Per Sherlock Holmes e il dottor Watson molte cose sono cambiate con il passare degli anni. All’inizio del 1937 non abitano più al 221B di Baker Street, né possono più godere della compagnia di Mycroft, dell’ispettore Lestrade, della signora Hudson. Sono due anziani gentiluomini di campagna, ritiratisi a vita privata nel Sussex. Altre persone sono entrate a far parte della loro cerchia: come il maggiore Steiner e sua moglie che, giunti in Inghilterra dalla Germania nazista, si occupano delle incombenze domestiche; o come il giovane Richard Green, la cui acuta intelligenza e il cui interesse per le scienze lo hanno reso quasi un discepolo di Holmes. Ma il suicidio del ragazzo, sconvolgente quanto inspiegabile, spezza il placido equilibrio della comunità. È tempo allora di rivestire i panni, mai realmente dismessi, dell’impareggiabile investigatore e del suo fidato compagno d’avventure. In un mondo sull’orlo della catastrofe, tra spie e complotti, dirigibili e armi chimiche, qualsia si fatto può celare risvolti insospettabili e indagare è un dovere morale anche per amor di patria. Di fronte alle avvisaglie di una follia collettiva che metterà l’Europa a ferro e fuoco, il paladino della ragione non può che schierarsi in prima linea.

EBOOK DISPONIBILE

Popularity: 6% [?]

Posted in Sherlock

One Response

  1. Federico

    Mancava solo di vedere l’anziano Sherlock Holmes all’opera insieme a James Bond…Leggere per credere!!!
    La trama è interessante, ma perché buttarla via con una caduta di stile ad effetto del genere? Per non parlare di anziani indiane armate di machete che prima tentano l’assassinio della Regina Vittoria e quarant’anni dopo saltano dal tetto all’altro di un treno in corsa. C’è un limite a tutto.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free