Il Giallo Mondadori Sherlock 27: Sherlock Holmes; Il marchio del terrore

ottobre 19th, 2016 by Moderatore

cover_2

Corre l’anno 1891, e l’epico scontro fra Sherlock Holmes e il professor Moriarty è al suo tragico epilogo. Presso la cascata del Reichenbach, in Svizzera, dopo un’ultima lotta sull’orlo del precipizio nessuna traccia
rimane dei due acerrimi nemici. Agli occhi di uno sgomento dottor Watson, il re degli investigatori e il Napoleone del crimine hanno con ogni evidenza perso la vita nelle acque tumultuose del fiume. È Irene Adler, sua degna avversaria, la prima a scoprire che Holmes è invece uscito vincitore dal duello fi nale e agisce in incognito sul Continente. Ma il ritorno del segugio in Baker Street è solo questione di tempo, perché una minaccia creduta estinta risorge sprofondando tutta Londra nel più cupo degli incubi. Una lettera inviata ai giornali annuncia nuovi delitti a nome di Jack lo Squartatore. Il guanto di sfida è lanciato, e solo il titolare di una mente superiore potrà raccoglierlo. Ricostruendo tassello dopo tassello una verità che supera qualsiasi immaginazione.

EBOOK DISPONIBILE

Popularity: 24% [?]

Posted in Le collane del Giallo, Sherlock

3 Responses

  1. Kronos H

    Ancora una volta Jack the Ripper…

  2. Irene

    La lettura di questo romanzo mi porta a fare una considerazione: nella letteratura apocrifa c’è bisogno di regole? Se definiamo ‘universo’ il mondo di Sherlock Holmes ebbe io vedo tanti ‘universi’ paralleli e incompatibili tra d i loro. Kieran Lyne identifica Jack lo squartatore con Mycroft al punto da mettere Sherlock nell’impossibilità di denunciarlo nonostante gli efferati crimini commessi. Non ultimo quello di avere ucciso Irene Adler. Fin qui tutto bene nell’universo delineato da Lyne.Amy Thomas concentra la sua trilogia, al momento, sulla storia d’amore tra Sherlock e Irene chiudendo il romanzo “Sherlock Holmes e la donna fatale” alludendo addirittura a un matrimonio tra i due. In altri romanzi Mycroft è il cavaliere supremo a tutela della legge ecc. ecc. Mi chiedo: Chi bisogna seguire?Se ogni autore apocrifo mette su il proprio universo autonomamente alla fine, credo, perde credibilità e fascino la figura di Holmes e il suo mondo letterario.Secondo me c’è bisogno di regolamentare la scrittura di un apocrifo seguendo delle direttive di massima altrimenti si finisce con il considerare un personaggio positivo e tutto di un pezzo in un romanzo per ritrovarlo come un depravato criminale in un altro.
    Dov’è che sbaglio?

  3. ophiucus75

    Nella spoilerata alla riga 3 sicuramente :)

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free