I classici de Il Giallo Mondadori 1368: Fantasma in mare

marzo 27th, 2015 by Moderatore

DICKSON

Nove persone affidano la vita al destino in un pericoloso viaggio per mare. A bordo dell’Edwardic, salpato da New York carico di materiale bellico, ci sono donne e uomini con una buona ragione per sfidare l’oceano in tempo di guerra. Ciascuno diretto verso la sua destinazione finale. E c’è anche, poi, la vittima di un omicidio, trovata in un lago di sangue con la gola squarciata. Allora il delitto cambia tutto, trasforma la fortezza galleggiante in una prigione. Non c’è via di fuga mentre il panico dilaga e le coste britanniche sono ancora lontane. Forse uno spettro si aggira tra i viventi? Lo affermano le impronte digitali: non corrispondono a quelle di nessuno, eppure soltanto qualcuno presente sul transatlantico può averle lasciate. Pane per i denti del burbero e monumentale sir Henry Merrivale, anche lui fra i passeggeri. Chiamato durante la traversata a svelare un mistero che sembra impossibile svelare.

Carter Dickson, pseudonimo di John Dickson Carr (1906-1977), statunitense, è uno dei grandi nell’Olimpo della narrativa poliziesca. I suoi romanzi sono caratterizzati da intrecci ingegnosi, atmosfere fantastiche e una buona dose di humour. Ha vinto l’Edgar nel 1949 e nel 1969 e il Grand Master nel 1962. Creatore dei personaggi di sir Henry Merrivale, detto “il Vecchio”, e del dottor Gideon Fell, è considerato il maestro degli “enigmi della camera chiusa”.

EBOOK DISPONIBILE

Popularity: 44% [?]

Posted in Senza categoria

33 Responses

  1. Stefano

    Un capolavoro superbo. Imperdibile.

  2. Armando

    Sono d’accordo. Un capolavoro assolutamente da leggere.

  3. dosgas76

    Mi posso fidare?
    Finora ho letto solo tre racconti di Carr, due dei quali con protagonista il dottor Fell; non è che poi mi abbia particolarmente entusiasmato.

  4. docgas76

    Mi posso fidare?
    Finora ho letto solo tre racconti di Carr e non è che mi abbiano particolarmente entusiasmato.

  5. Omar

    Bene, finalmente nei classici l’edizione integrale tradotta da Boncompagni per uno dei Carr che smaniavo di leggere, visto che il giallo in mare aperto è una variazione che prediligo. Davvero un acquisto obbligatorio.

  6. CREPASCOLO

    Sono incappato in JD Carr da bambino quando la realtà x me era una missione Apollo dietro l’altra al tg e le targhe alterne nei fine settimana e rimasi affascinato da quel mondo lontano da me in cui si poteva stecchire un tizio in mezzo alla neve senza lasciare impronte o tuffarsi in una piscina e sparire davanti a testimoni o tagliare la corda da una stanza ermeticamente chiusa dall’interno lasciando un cadavere non suicida. Credo di aver letto quasi tutto – compresi i romanzi storici ed i lavori acerbi con il ” mefistofelico Henry Bencolin ” prima di aver l’età x guidare l’auto negli USA e ho ancora qualche omnibus con un Fell o un H.M. pittati con perizia e sintesi da Pinter. Invidio chi oggi abbia la capacità di sospendere la credulità il tempo sufficiente ad immergersi nel Carrverso e passare sopra la caratterizzazione stereotipata dei personaggi: la ricompensa, ghiottissima, è l’occasione di accompagnare quei due gigioni extra large fino al momento in cui sarà spagato il marchingegno, per dirla con Aldo Maccione, ed alla soluzione apparentemente soprannaturale si sovrapporrà un etto di sano buon senso.

  7. Ezio G.

    Nella classifica dei detective più seriali Sir Henry Merrivale è al 14^
    posto con 22 romanzi/racconti.

  8. Gneo

    Io aspetto sempre ‘Il mostro del plenilunio’ magari con una nuova traduzione.
    C’è speranza?

  9. Gianluca Carinci

    Un altro Carr da aggiungere alla mia piccola collezione , da avere assolutamente !

  10. Omar

    Docgas; posso chiederti quali romanzi di Carr hai letto finora? perché la produzione dell’autore è molto varia e sfaccettata, e magari hai beccato delle opere minori oppure, essendo Carr uno scrittore che non si presta molto ai compromessi (o lo si ama o, come disse Chandler, non lo si riesce a leggere) magari non è nelle tue corde. Io stravedo per alcuni suoi titoli, mentre altri mi hanno lasciato freddino ma, lo ammetto, per colpa mia, perché l’autore raramente tradisce i suoi lettori, e la qualità delle sue opere (a parte quelle degli ultimi anni, ma questo vale per quasi tutti i grandi giallisti….) non è in discussione.

  11. Omar

    Tra l’altro la redazione continua a sfornare ottime uscite anche nel prossimo mese; nell’inedito ci sarà il già annunciato Ruth Rendell (La crociata dei bambini) e un Deryn Lake con lo speziale Rawlings, poi nei classici abbiamo nientemeno che uno dei Rufus King più difficili da trovare, ovvero “La prova in fondo al mare” e “Ho sposato un’ombra” di Woolrich, splendido “nero” che nella traduzione di Boncompagni, che credo verrà riproposta, si trova anch’esso difficilmente. Per gli apocrifi di SH abbiamo invece “L’avventura Afgana del dottor Watson” di Kieran Macullen. Davvero delle uscite eccellenti.

  12. Guido

    Giusto per pignoleria, questa importantissima traduzione integrale di Mauro Boncompagni non è inedita: era stato già pubblicata nell’Omnibus La Nobile Arte del Delitto del 1990, e nella bellissima antologia degli Speciali, Diario di guerra e di mistero del 1995. Leggere il libro in questa traduzione è fondamentale: pensate che fra la vecchia traduzione e quella del Signor Boncompagni ci sono circa 50 pagine di differenza!
    Ancora un paio di cose: qunato è però più evocativo il titolo originale “Murder in the Submarine Zone” rispetto al nostro! Seconda cosa: mi spiace ma trovo orribie la copertina e rimpiango quella di Karel Thol degli Oscar del Giallo. Saluti e Buona Pasqua. Guido

  13. Ezio G.

    Nel maggio del 2010 Pietro de Palma pubblicò un bellissimo saggio su Rufus King nel blog del G.M. .Consiglio vivamente la sua lettura come preparazione alla prossima uscita di
    una ristampa di R.King.

  14. docgas76

    Ciao Omar.
    di Carr ho letto: Il cantuccio della strega, un colpo di fucile e la fiamma e la morte. Non dico che siano malvagi ma non mi sembra che creino la tensione giusta. Fra quelli citati forse un colpo di fucile è quello più interessante ma il personaggio del dottor Fell finora non mi ha particolarmente colpito. Sai suggerirmi qualche titolo di rilievo? Grazie.

  15. Piero

    Bei tempi quelli! C’era tanta gente in più sul Blog, e con alcuni stabilii anche dei vincoli di amicizia.
    O tempora, o mores!

  16. Piero

    Grazie ad Ezio per essersi ricordato. In separata sede l’ho segnalato ad alcune persone, ma qui non l’avrei mai fatto: non mi piace autoincensarmi. Ma che qualcuno si ricordi di me e delle mie fatiche, mi fa ovviamente piacere.

  17. Piero

    BUONA PASQUA A TUTTI.
    Pietro De Palma

  18. Omar

    DOCgas; non sono a parer io tra le punte di diamante dell’opera Carriana, ma nemmeno tra i peggiori; tre romanzi di qualità medio-alta, tanto per intendersi. Titoli di rilievo? io stravedo per “L’automa” e “Il terrore che mormora” anche se per tutti il capolavoro assoluto è “Le tre bare” che io invece trovo un filo carente di azione e atmosfera. In ogni caso ti consiglio i due che ti ho detto, se non dovessero piacerti quelli…allora forse Carr non fa per te.

  19. Alberto Minazzi

    Ricambio gli auguri a Piero e li re-indirizzo a tutti!
    Quanto a Carr, concordo con Omar e mi permetto di aggiungere un titolo che non viene tanto spesso richiamato tra i migliori, ma per me lo è assolutamente: Gideon Fell e il caso dei suicidi.

  20. docgas76

    Ti ringrazio Omar. L’automa dovrei avercelo in uno degli speciali pubblicati qualche tempo fa. Ti farò sapere (sempre di trovare il tempo di leggerlo tra le tante cose ancora in sospeso).
    Un saluto

  21. Gneo

    @ Dogcas76
    Scusa se mi intrometto, ma vorrei segnalarti, oltre a quelli che ti ha consigliato Omar, i miei romanzi carriani preferiti che sono ‘L’occhio di Giuda’ un legal thriller citato anche da Mauro Boncompagni nello speciale ora in edicola e ‘Destare i morti’ che ritengo un assoluto capolavoro.
    Tra i romanzi storici di Carr il mio prediletto è ‘Il diavolo vestito di velluto’.
    Se leggi questi cinque romanzi che ti consigliamo avrai di Carr un’opinione completamente diversa.
    Ciao

  22. Alberto Minazzi

    Confermo il giudizio positivo su ‘L’occhio di Giuda’, mentre, personalmente, pur essendo Carr il mio autore preferito, non amo più di tanto i suoi gialli storici, compreso ‘Il diavolo vestito di velluto’.

  23. Matteo

    Di Carr è molto bello un racconto ad ambientazione storica, “Il gentiluomo di Parigi”, ristampato da Polillo in una raccolta di qualche anno fa, in cui il fascino addizionale è scoprire l’ identità del “detective”.

  24. MacBeth

    Ciao a tutti. Volevo dirvi che leggo sempre questo forum, ogni mese. Ogni volta che escono i gialli in edicola. Purtroppo non ho molto tempo per leggere, molti per ora li colleziono semplicemente. Questa estate recupererò. Posso chiedere se in programma c’è un Paul Halter in uscita? Grazie mille :)

  25. docgas76

    Ringrazio tutti per i consigli, ne farò tesoro. Da ciò deduco però che di questa storia attualmente in edicola posso tranquillamente farne a meno. Un saluto a tutti

  26. Stefano

    Come puoi farne a meno? Questo è un capolavoro, come un buon 80% delle opere scritte tra il 1933 e il 1946. Carr ha scritto 79 romanzi, e sul rapporto quantità/qualità (ma anche semplicemente qualità) il paragone con chiunque altro è semplicemente imbarazzante.
    Poi si parla anche di gusti, è chiaro, ma per chi è appassionato di Mystery non c’è nulla di superiore.

  27. Alberto Minazzi

    @docgas76. Direi invece che proprio non puoi farne a meno! Perché, almeno io, ho interpretato la tua richiesta come relativa ad “altri” titoli. Ma anche Fantasma in mare è spettacolare (non ti anticipo nulla, se non che l’atmosfera è grandiosa e anche la soluzione delle impronte digitali che non appartengono a nessuno di coloro che sono a bordo è assolutamente impeccabile)!

  28. Joe Kurtz

    @docgas76 La tua deduzione è assolutamente errata. “Fantasma in mare” è uno splendido romanzo, corri in edicola (o allo store degli ebook). Sono pochi euro spesi benissimo!

  29. dusso

    Preso e letto in un baleno, assolutamente consigliato

  30. Alberto

    Concordo con i miei amici anobiiani Stefano (di cui sottoscrivo tutto al 101%) e Alberto Minazzi.
    Questo è proprio un gran bel romanzo per atmosfera, trama, mistero e soluzione. Letto a suo tempo nell’edizione Oscar gialli stra-tagliata, ho letteralmente divorato questa integrale (ho pure l’omnibus ma non ho resistito e ho preso anche questo volume singolo). Niente a che vedere con il “gemello” con protagonista Fell “Delitto a bordo”. Per i miei gusti personalissimi troppo sopra le righe dal punto di vista dell’umorismo (o preteso tale) tanto da sfiorare quasi la parodia. Inoltre incentrato su un mistero che non mi ha preso più di tanto. “Fantasma in mare” invece è un capolavoro (uno dei tantissimi del Nostro). Ripeto, sempre per i miei gusti personalissimi.

    Buone letture a tutti

  31. Gio

    Assolutamente da leggere. All’ interno di un sottogenere, quello del giallo in nave, è uno dei migliori che ho letto,lo inserirei in un’ ideale trilogia con “Il passeggero del Saragossa” di Leo Bruce e “in crociera col delitto” di P. Quentin.

  32. docgas76

    Ok, Ok ! mi avete convinto….sono andato in edicola è ho trovato ancora una copia.
    Adesso, terminato quello che ho tra le mani, mi appresterò a leggerlo; se dovessi restarne deluso….. vi verrò a trovare nei vostri peggiori incubi.

  33. Roberto

    Non mi è piaciuto, è un giallo risolto a tavolino, con un’autentica arrampicata sugli specchi.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free