I classici de “Il Giallo Mondadori” 1342: Il poliziotto è marcio

febbraio 27th, 2014 by Moderatore

mcgivprev

Il sergente Mike Carmody un poliziotto modello? Un tempo, forse, o magari in un’altra vita. Mike oggi è un venduto, uno che tiene i piedi in due staffe. Del resto le partite a poker con i colleghi non bastano ad arrotondare il misero stipendio. Così è sul libro paga di Ackermann, il potente boss della città, per il quale sbriga qualche lavoretto, e tutto è sempre filato liscio. Finché arriva l’incarico che non avrebbe mai voluto ricevere. Il fratello minore Eddie, anche lui in polizia, ha assistito a un omicidio e identificato l’assassino in un uomo di Ackermann. Mike sa bene che suo fratello è ancora vivo solo in virtù del loro legame di sangue, altrimenti sarebbe già sottoterra. Ma ora tocca a lui “convincerlo” a ritrattare la testimonianza. Il guaio è che Eddie non è in vendita. È un poliziotto modello, di quelli veri. Anche Mike avrebbe potuto esserlo, e ha l’ultima occasione di dimostrarlo proteggendo l’unica persona realmente pulita da una sentenza di morte.

 

William P. McGivern (1922-1982), statunitense, dopo gli inizi come giornalista si è dedicato alla narrativa poliziesca e in seguito anche alla sceneggiatura per il cinema e la televisione. Le sue storie di violenza e corruzione, ambientate in quella zona d’ombra dove si intrecciano polizia, criminalità e politica, gli sono valse un posto di rilievo tra i maestri del noir degli anni Cinquanta. Ha scritto oltre venti romanzi e numerosi racconti, utilizzando talvolta lo pseudonimo di Bill Peters.

 

All’interno, il racconto “Il segreto di Aramis” di Liudmila Gospodinoff

 

EBOOK DISPONIBILE

 

Popolarita': 45%

Posted in I Classici del Giallo, Le collane del Giallo

9 Responses

  1. Pasquale

    Strana scelta: stesso titolo di un film che non ha nulla a che vedere (mi sembra) con la pellicola davvero tratta dal romanzo. Comunque, il fatto che abbia scritto Il grande caldo, fa di Mc Givern un nome interessante per l’acquisto. Buon lavoro!

  2. Omar

    Un solido noir anni cinquanta dal noto autore del “Grande caldo”, da cui Fritz Lang trasse l’omonimo capolavoro, che farà felici gli estimatori del genere, tra cui non si include il sottoscritto. Secondo me,anche rimanendo nel genere, c’era di meglio.

  3. ariete'70(Andrea Pinto)

    Lo attendo in edicola per verificare se il McGivern scrittore(che conosco solo di fama) è migliore o peggiore dei film(molto bello’Senza scampo’da questo romanzo e capolavoro del cinema’Il grande caldo’)tratti dalle sue opere.Tante grazie al Giallo Mondadori che ce lo offre a un prezzo molto molto contenuto!

  4. Silver Apple

    Anch’io lo compro per ragioni cinematografiche.

    @ Pasquale:
    Il film omonimo è un Fernando Di Leo di seconda scelta (Quindi sempre meglio di chiunque altro, è sempre Di Leo, ma non ai livelli di Milano Calibro 9, inarrivabile per chiunque nel mondo sempre.) difficilissimo da trovare (Circolava un bootleg terrificante da VHS tenuto sul calorifero coi titoli di testa in tedesco).
    Grande, grande, immenso Salvo Randone (Ma quello sempre).

  5. Ezio G.

    Renato Venturelli nel suo imperdibile
    “L’età del noir” ed.Einaudi considera
    questo autore come ” cantore principale
    dell’angosciata epopea del poliziotto
    del dopoguerra”. I romanzi di McGivern
    sono stati più volte portati sullo schermo nel corso degli anni ’50. Il
    più celebre è ” Il grande caldo”
    Protagonista di questo romanzo è un
    poliziotto corrotto (sul grande schermo interpretato da Robert Taylor) che prima cerca di salvare la vita al fratello onesto, poi decide di vendicarlo.La trama scorre via verso una fine senza fine.Il poliziotto corrotto rivendica il proprio diritto al sogno americano,all’interno di un mondo di violenza e soffocante degrado morale.
    Bene ha fatto il Giallo Mondadori ha
    (ri)presentare questo libro considerato un Classico del noir con la C maiuscola.Libro consigliato al
    100%.Non capisco alcune perplessità su questo autore.

  6. CREPASCOLO

    Non Bob Taylor – i cui tratti cesellati e lo sguardo blando luciferino sono noti a tutti i lettori di Diabolik e Zagor – ma Glenn Ford ( I 4 Cav dell’Apocalisse, Gilda, Angeli con la Pistola ).

  7. Ezio G.

    “Senza scampo” è il titolo del film
    tratto da questo romanzo.Robert Taylor
    e Janet Leigh gli attori principali.
    Il regista Roy Rowland, specialista in
    lavori considerati di serie B.Certo con
    un regista come F.Lang e magari con altri attori il film sarebbe oggi più
    conosciuto.

  8. CREPASCOLO

    Te ghe rasùn ! Chiedo scusa, ma ho pensato, effettivamente, a Lang.

  9. Pasquale

    @silver apple
    Grazie per le info.Pare che il film in questione esista in bluray sul mercato US (io ho già un primo cofanetto dedciato a di Leo con Milano Calibro 9)

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free

Notice: Undefined index: template_data in /srv/www/virtuals/blog_librimondadori_it/blogs/wp-content/plugins/fbconnect/fbConfig_php5.php on line 184