Sei morto, detective (3083)

maggio 30th, 2013 by Moderatore

3083prev

 

La gola tagliata e la parola “Malvagia” incisa sulla fronte. Macabra uscita di scena per un’avvenente insegnante finita nei guai dopo aver molestato un ragazzino. Se ne occuperà Harry Doyle, della polizia di Tampa, Florida. Harry è la persona giusta, perché possiede una facoltà molto speciale, e molto utile nelle indagini per omicidio: lui intuisce particolari sulle vittime, su come sono state uccise. Quasi come se udisse i loro sussurri… Una facoltà che si ritrova dopo un certo episodio della sua infanzia. Quando aveva dieci anni, Harry era stato ucciso insieme al fratello minore dalla madre, una fanatica religiosa. Benché ne fosse stato accertato il decesso, era stato miracolosamente riportato in vita, e poi cresciuto da un poliziotto. Il fratello invece non ce l’aveva fatta. Ora sono passati vent’anni e Harry fa l’investigatore. Ha dedicato la sua nuova esistenza a dare la caccia agli assassini. Dando voce alle loro vittime. Perché Harry, in un certo senso, parla coi morti.

 

EBOOK PROSSIMAMENTE DISPONIBILE

 

Popularity: 25% [?]

Posted in Giallo (serie regolare), Le collane del Giallo

4 Responses

  1. Ezio G.

    Ottimo debutto per questo autore.Il romanzo è buono, scritto bene (una lode
    al traduttore)avvincente.Una curiosità
    avete in programma per il futuro altri
    libre di questo autore?Mi risulta che
    abbia scritto 7 romanzi con protagonista
    Paul Devlin detective, magari si potrebbe scegliere fra questi.

  2. VergaG

    Preso e letto. Concordo con quanto detto da Ezio G. davvero un bel romanzo, che consiglio agli appassionati del giallo. E anch’io mi auguro che esca ancora qualcosa di questo autore.

  3. Marius

    A differenza degli ultimi romanzi di autori ‘nuovi’ e mi riferisco a Maureen Jennings, P.L. Gaus e Leigh Russell autori di un piattume unico, William Heffernan è un autore che sa coniugare una trama di tutto rispetto a personaggi con un loro spessore psicologico.
    Speriamo sia un autore di cui potremo leggere altri romanzi.

  4. Lorenzo

    Su Gaus, riguardo al “piattume”, avrei qualcosa da ridire.Ho trovato “La fede nel sangue” un ottimo romanzo giallo, capace di unire alla trama prettamente poliziesca una marea di nozioni sulla comunità amish, ed un profilo psicologico dei personaggi non indifferente. Altro che “piattume”.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free