La medaglia del Cellini (1270)

maggio 4th, 2011 by Moderatore

cellini-prev.PNG

A Londra inizia la stagione delle debuttanti e le ragazze pronte a fare il loro ingresso nel bel mondo sono tante, tutte graziose e troppo ambiziose. Ma tra balli, feste e ricevimenti, non tutto va per il verso giusto: negli ambienti dell’alta società qualcuno sta ricattando le famiglie più in vista. L’ispettore Alleyn, asso di Scotland Yard, venuto a saperlo, chiede aiuto al suo vecchio amico lord Robert Gospell, confidente di molte signore dell’aristocrazia, per smascherare il ricattatore. Fino a quando il delitto non alzerà la posta in gioco.

Ngaio Marsh (1895-1982), neozelandese, studiò al Canterbury University College School of Art e lavorò per anni in teatro come attrice, autrice, produttrice e regista, esperienza questa che traspare anche nei suoi polizieschi, soprattutto nel sapiente utilizzo dei dialoghi e nella descrizione di scene e personaggi. L’autricevinse il Grand Master Award nel 1977.

(vai alla visualizzazione completa del volume)

Popularity: 33% [?]

Posted in I Classici del Giallo, Le collane del Giallo

15 Responses

  1. Alessandro B.

    Era ora, lo aspettavo da tempo. Praticamente irreperibile sul mercato dell’usato. Per una volta un plauso alla Mondadori.

  2. piero

    Era ora !

  3. Paolo P.

    Preso! Molto bella anche la copertina!

  4. piero

    Praticamente irreperibile..no. Di trovarsi si può trovare (io l’ho trovato, cioè me l’hanno regalato) ma so che c’è chi me l’avrebbe venduto tempo fa. Solo che con copertina originale, la palmina costava parecchio.
    Invece, andando in edicola lo paghi meno di 5 euro. Tutto qui.
    Anche se non senti il rumore delle pagine di un tempo, la carta ingiallita, il profumo del volume invecchiato dal tempo..tutte cose che non si possono spiegare. :-)

  5. voodoo

    e direi che anche le annunciate uscite di giugno lasciano ben sperare….

  6. Fabio Lotti

    Beccato!

  7. Antonino Fazio

    L’ho preso anch’io. Vi pare che potessi farmi scappare un classico del ’38? Absolutely not!

  8. jonjozz

    Presi tutti questo mese. :)

  9. Matteo

    quali sono le annunciate uscite di giugno?

  10. Mattia Conzato

    Sono davvero felice che sia stato ristampato un romanzo di Marsh.
    Avevo letto con grande soddisfazione Omicidio nella lana.

  11. piero

    Ho finito di leggere il Garve (critica sul mio blog al link fornito nello spazio dedicato su questo blog a quell’autore).

  12. Marius

    Letto di un fiato: è uno dei più bei romanzi della Marsh.
    Il titolo italiano non è azzeccato ma l’errore è stato fatto negli anni trenta; non sarebbe stato corretto cambiarlo adesso.

  13. Danilo Arrigoni

    Chiedo venia preventivamente per il Post (!) fuori tema: qualcuno mi sa dire dove è possibile trovare in italiano i racconti di Melville Davisson Post con protagonista “uncle Abner”? E’ mai stato tradotto qualche suo libro nelle collane gialle mondadoriane?

  14. piero

    Magnifico !
    L’avevo cominciato a leggere l’estate scorsa nell’edizione della Palmina anteguerra N.222, ma..nonostante come ho detto altre volte l’italiano di quelle edizioni Mondadori fosse il migliore all’epoca, e i volumi fossero delle edizioni di lusso, e la resa della traduzione fosse molto buona, tuttavia certe espressioni desuete, e quella detestabile italianizzazione dei nomi mi avevano per così dire fermato. Attendevo la ripresentazione perchè sapevo/speravo che sarebbe stata di lì a venire. Così ho ripreso da dove avevo interrotto.
    Devo dire che Mauro meriterebbe un applauso quasi per la resa: se non fosse per qualche refuso sfuggito (in prima pagina, “offerte di costolette ed aperitivi” della versione del 1939, son diventate nella ristampa “offerte di cotolette ed aperitivi”), e per qualche discutibile eliminazione (nella ristampa è scomparsa la piantina e le note del traduttore già nel volume originale), la ristampa la si potrebbe a mio dire, con le integrazioni cui ho fatto ora cenno, ristampare tranquillamente negli Oscar, giacchè la resa complessiva è notevole anche grazie ad una rinfrescata dell’italiano molto positiva, al di là del semplice ritorno alle forme originali inglesi dei nomi.
    E’ un romanzo che bisogna correre ad acquistare nelle edicole in cui è ancora presente; ed è sicuramente a mio modesto avviso una delle migliori ristampe degli ultimi anni, forse la migliore.
    Mauro sa come la penso: di altre grandi Palmine ve ne sono tante che aspettano, volumi mai più presentati.
    E’ ora che escano.
    E lui saprà scegliere bene anche la prossima volta.
    Landon, Walling, Blake, Downing, Frome, Steeman, N.Gayle..non c’è che l’imbarazzo della scelta.

  15. piero

    Mio articolo su questo magnifico romanzo, nel mio blog al link :

    http://lamortesaleggere.myblog.it/archive/2011/05/27/ngaio-marsh-la-medaglia-del-cellini-i-classici-del-giallo-mo.html

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Spam protection by WP Captcha-Free